Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
Milan Malaga "Motori"
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

 

di Severa Bisceglia

 Il pilota finlandese della Lotus, Kimi Raikkonen,  trionfa nel 18° appuntamento del Mondiale disputato sulla pista di Dubai. Primo successo stagionale per lui e 19° vittoria della carriera. Non accadeva da Spa 2009 con la Ferrari. La Rossa di Fernando Alonso si piazza seconda e il grande favorito del week end, prima della retrocessione al 24° e ultimo posto deciso dalla Commissione, Sebastian Vettel, con la sua Red Bull, arriva terzo dopo una gara, a dir poco straordinaria. Quarto Jenson Button, superato a tre giri dalla fine proprio da Vettel, quinta posizione per Pastor Maldonado su Williams, a seguire il giapponese Kamui Kobayashi su Sauber. Mentre Felipe Massa, protagonista di uno spettacolare testa coda, con l’altra Ferrari è solo settimo. A chiudere la top ten Senna (Williams), Di Resta (Force India) e Ricciardo (Toto Rosso). Ritirati Lewis Hamilton, dopo 20 giri mentre era al comando della corsa, e Mark Webber, coinvolto nell'incidente avviato da Perez e che ha messo fuori causa anche Grosjean. La domenica gioca contro il tedesco. Il Gran Premio di Abu Dhabi, sul circuito di Yas Marina, riapre i battenti rimescolando le carte. Il grande favorito, Sebastian Vettel, viene escluso dai risultati di qualificazione del sabato. I commissari, dopo 4 ore di camera di consiglio decidono di far partire il tedesco, che aveva chiuso terzo nelle prove ufficiali, dalla pit line, in ultima fila. Seconda fila, invece, col sesto posto di partenza, per Alonso, che recupera in pratica una posizione. La Red Bull di Vettel ha utilizzato una quantità di carburante insufficiente nelle qualifiche. La partenza vede Hamilton in pool. L’inglese è subito primo, Webber perde posizioni e viene superato da Raikkonen e Moldonado, mentre Alonso ha più fortuna sorpassando subito Webber. A due gare dalla fine la classifica è sempre nelle mani del 25 enne di Heppenheim che guida con 255 punti, dieci lunghezze  di vantaggio sul ferrarista Alonso che recupera solo tre punti nei confronti di Vettel. Magra consolazione. I due si contenderanno, a suon di sorpassi e piazzamenti, la vittoria del campionato del mondo piloti nelle ultime due gare. Geniale recupero del tedesco partito dalla ventiquattresima posizione, complice la sefty car entrata due volte in pista, riuscendo a limitare i danni in classifica generale con la rimonta di ben 21 posizioni. La svolta al 20° giro, Hamilton, in testa alla gara, accusa un improvviso calo di potenza che lo costringe al ritiro. Intanto Vettel  risale fino all’ottava posizione inanellando una serie di giri veloci. Al 32° il tedesco è risalito fino alla seconda posizione - tutti gli altri piloti avevano effettuato il pit stop previsto - a poco più di un secondo da Raikkonen. Al 38° giro anche Vettel effettua il pit stop e al suo rientro in pista si colloca quarto. Negli ultimi giri è Alonso ad effettuare una serie di tornate veloci ma senza grandi risultati. E’ Vettel il vero vincitore di questa gara che ha dovuto subire una partenza ad handicap che lo ha costretto a iniziare dall’ultima posizione e, come se non bastasse, ha anche avuto durante la fase centrale della gara un problema all’impianto frenante, subito risolto. Queste le dichiarazioni del tedesco: "Mi hanno chiesto di fermarmi, non so cosa sia successo. Non dovrebbe essere stato un problema importante. Nel pomeriggio abbiamo dimostrato di avere un buon passo, ma la McLaren di Hamilton non era alla nostra portata. In Q3 avrei dovuto spingere di più, ma comunque non so se sarei potuto arrivare secondo". Poco soddisfatto Alonso, ha perso una grande occasione per recuperare sul diretto avversario che lo precede: "Abbiamo fatto il massimo – sottolinea il pilota spagnolo-  le qualifiche rimangono il nostro punto debole. Le novità che abbiamo introdotto hanno funzionato, ma non bisogna mai dimenticarsi che anche i nostri avversari lavorano, non rimangono certo a casa guardare la tv. Se anche avessi continuato a girare all'infinito il mio tempo sarebbe stato sempre quello. Per il sabato questo è il massimo che riusciamo a fare, ma in gara riusciamo sempre ad avere un buon passo. Il nostro obiettivo rimane sempre lo stesso,tentare di conquistare  punti su Vettel".


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.