Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
Milan Fiorentina "l'angolo di Franco Rossi"
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

 

 Non solo, infatti, permangono tutti i dubbi sulla sensatezza dell’operazione che erano immediatamente emersi, ma ci si chiede come potrebbero reagire la Borsa di Shangai, gli azionisti, gli investitori, la stampa di settore internazionale e la comunità finanziaria all’esecuzione di un’operazione la cui esistenza era stata ufficialmente negata e la cui ipotesi era stata così fortemente criticata. A questo punto, infatti, ci sono solo due possibilità. La prima: il “closing” non si terrà ed avremo la conferma dell’ennesima, inverosimile ma almeno sostanzialmente inoffensiva, “bufala” giornalistica. La seconda, molto più inquietante, secondo la quale questo benedetto “closing” si farà. In tal caso, non solo si concluderebbe una delle operazioni di investimento più bizzarre dai tempi in cui Esaù vendette a Giacobbe la primogenitura in cambio di un piatto di lenticchie, ma soprattutto la CRCC (o, meglio, la sua controllata), spenderà, pur dopo avere giurato al mercato ed alle istituzioni finanziarie di non intendere farlo, settanta milioni di euro per assicurarsi l’ambita partecipazione del 15% (quindici per cento!) nel capitale sociale della F.C. Internazionale S.p.A., società calcistica di diritto italiano, non quotata in borsa, avente, come sostanzialmente unico ulteriore azionista Massimo Moratti, padre padrone della stessa. Se così accadesse, le domande alle quali i cinesi dovrebbero rispondere (agli azionisti, agli organi di sorveglianza, agli enti statali, alla Borsa, alla stampa specializzata) sarebbero, come si diceva, inquietanti: perché una società di quel genere investe in una partecipazione di minoranza di una società di calcio italiana, in grossa difficoltà patrimoniale e finanziaria? Perché la valuta mezzo miliardo di euro? Perché investe in attività estranee al proprio core business? Perché va contro alle direttive del notoriamente poco comprensivo governo cinese? Perché lo fa dopo una smentita così rigorosa ed inequivoca? Perché, infine, per assicurarsi una commessa come la costruzione di uno stadio dall’altra parte del mondo, una società cinese dovrebbe fare un simile investimento, senza alcuna garanzia di poter poi trarre profitto dallo stesso e rischiando di rimanere per sempre socia di minoranza della famiglia Moratti? A queste domande ed alle molte altre che verrebbero sicuramente fatte, non si vede quali convincenti risposte potrebbero essere date. A quel punto, ci si potrebbe solo augurare che, ad operazione fatta, venga data la massima trasparenza ad ogni suo passaggio, per evitare che, in una situazione più che curiosa come quella che si va delineando, i sospetti prendano, inevitabilmente, il sopravvento e nuove nubi, potenzialmente anche nerissime e delle quali si farebbe volentieri a meno, rendano ancor più triste l’orizzonte attuale del calcio italiano.


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.