Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
Milan Zenit "gli avversari" n 46
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

 

LA RIVOLUZIONE RUSSA DELLO ZENIT

Il club della Gazprom sogna un campionato ex URSS senza più Spalletti in panchina

di Federico Zanon   Già fuori dalla Champions League, con il rischio di salutare anche Europa League e campionato russo. Lo Zenit San Pietroburgo, che si presenta al Giuseppe Meazza per affrontare il Milan nell'ultima partita del gruppo C, ha poco da sorridere. Per giocare l'Europa minore deve vincere o pareggiare e sperare che l'Anderlecht non faccia il colpaccio in Spagna con il Malaga. Un risultato possibile considerando le seconde linee che schiererà Allegri, dato quasi per scontato da Alexey Miller Borisovich proprietario dello Zenit e amministratore delegato del colosso petrolifero Gazprom. Di fatto uno degli uomini più ricchi e influenti di Russia, che nei giorni scorsi ha partorito l'idea di abbandonare la Premier League russa e creare un campionato con le squadre dei paesi dell'ex Unione Sovietica. Una rivoluzione, che potrebbe però avere seguito, anche se non nell'immediato. Lo Zenit ha nella sala trofei tre campionati russi e insegue il quarto, un'impresa più complicata rispetto il passato per il salto di qualità fatto dal Cska Mosca, che sta davanti a tutti con tre punti di vantaggio sull'Anzhi di Eto'o e addirittura sette sugli uomini di Spalletti. Il tecnico italiano comunque andrà a finire a fine stagione "dirà dosvi`daniya" (addio), e prenderà l'aereo, destinazione Italia. Ha voglia di casa e di serie A e chissà che Galliani, che già lo contattò prima dell'avvento di Allegri, posso tornare a farsi sentire. Spalletti darà il via a una rivoluzione sul mercato, lasceranno la Russia molti giocatori, tra cui i difensori Bruno Alves e Criscito e il centrocampista Witsel, pagato quasi quaranta milioni di euro in estate dal Benfica, e poco più che turista in questi primi tre mesi a San Pietroburgo. Lo Zenit ripartirà da Kerzakhov e Shirokov, messi prima fuori rosa qualche settimana fa, per aver chiesto più soldi dopo aver visto gli ingaggi di Witsel e Hulk, poi reintegrati. Sarà uno Zenit più russo, nel quale potrebbe tornare Andrei Arshavin, in scadenza a giugno con l'Arsenal.


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.