Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
Inter Pescara "Amarcord"
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

 

di Severa Bisceglia   Iniziamo questo numero con Mirko Taccola, capace di cambiare squadra, in 25 anni di carriera, quasi tutti gli anni. Cresciuto nel Pisa, col quale non ha mai giocato in Serie A, viene acquistato dall’Inter nella stagione 92-93 e fa il suo debutto nel derby contro il Milan del 22 novembre 1992, incontro pareggiato 1-1. Giocherà ancora 5 partite in maglia nerazzurra. Attualmente, all’età di 42 anni, è difensore del Forcoli, squadra che milita in Serie D, ha indossato anche le maglie di Terzana, Lucchese, Palermo, Napoli, Cagliari, PAOK Salonicco, Lanciano, Sora, San Marino e Messina. Nella stagione 90-91 ha indossato la maglia del Pescara segnando 1 gol in 15 presenze. Il difensore toscano, con la maglia della Nazionale, ha partecipato ai Giochi Olimpici di Barcellona 1992 ed ha vinto l’Europeo Under-21 1992. Con il Pisa ha vinto una Coppa Mitropa nel 1988. Luca Castellazzi, portiere dell’Inter, inizia la sua carriera nel Monza in Serie B nel 1993, l’anno successivo, con il Varese in C2, vince la Coppa Italia di Serie C. L’esordio in Serie B sarà con il Padova. come secondo di Walter Zenga, e nella prima partita parò un rigore. Nel gennaio del 1999 passa al Pescara, dove si fermerà solo fino all’estate dello stesso anno. Il 17 giugno 2010, proveniente dalla Sampdoria, firma un contratto biennale, rinnovato poi fino a giugno 2014, con l’Inter e ad Agosto vince il suo primo trofeo personale, la Supercoppa Italiana contro la Roma. A settembre dello stesso anno gioca la prima partita di Champions League contro il Werder Brema, partita vinta 4-0. Con la maglia nerazzurra ha vinto anche una Coppa Italia (2010-2011) e la Coppa del mondo per Club. L’ultima presenza in campo è nella gara contro l’Hellas Verona, valida per gli Ottavi di Coppa Italia, costretto a uscire al 76’, sostituito dall’attaccante Rodrigo Palacio improvvisatosi portiere per esaurimento cambi, per una lussazione alla spalla. Franco Cerilli,  attuale allenatore del Vigonovo Tombelle 07, che milita in Seconda Categoria, è stato ala destra, per due stagioni, nell’Inter del dopo Mario Corso deludendo, però, le aspettative. L’esordio in Serie A è con la maglia nerazzurra nel campionato 74-75. Nelle due stagioni all’Inter collezionò solo 19 presenze. Dopo l’annata straordinaria giocata al Lanerossi Vicenza, che conquista uno storico secondo posto in Serie A, gioca due stagioni (1979-1981) con il Pescara. Purtroppo ha chiuso la sua carriera, indossando ancora la maglia del Vicenza, con l’ombra del Totonero, di cui Cerilli fu tra i protagonisti. A causa di alcune intercettazioni telefoniche è stato squalificato per cinque anni. L’attaccante Roberto Cesati è cresciuto nel vivaio dell’Inter con cui esordisce in prima squadra, realizzando l’unico gol della stagione in nerazzurro, decisivo nella vittoria contro il Varese, nel campionato 74-75, collezionerà solo 4 presenze. L’anno successivo viene ceduto in prestito a Varese, ma farà ritorno a Milano nel mese di ottobre. Con l’Inter totalizzerà ancora 8 presenze e due gol. Nel 1976 viene ceduto in prestito al Pescara con cui segnerà 1 gol in undici presenze. Anche Pierluigi Di Già, di ruolo centrocampista, è cresciuto nelle giovanili dell’Inter, fa il suo esordio da professionista con la maglia del Parma, in Serie B, nella stagione 87-88, segnando due reti in 63 presenze. Rientra all’Inter, dopo due stagioni, giocando solo undici partite. Negli anni successivi giocherà con Bologna, Venezia e Palermo. Quattro stagioni dopo indosserà la maglia del Pescara segnando una rete in 22 presenze. Concluderà la sua carriera al Tivoli in Serie C2. Il leccese Salvatore Antonio Nobile cresce nelle giovanili della sua città debuttando in Serie B, proprio con i giallorossi, nel campionato 82-83 e successivamente nella massima serie. Nel 1987 viene acquistato dall’Inter per 1,9 miliardi di lire con cui disputa 19 partite, nell’unico campionato a Milano, senza realizzare reti. Dopo essere tornato a Lecce e successivamente in forza al Cesena, gioca cinque anni nel Pescara, di cui uno solo in Serie A, totalizzando 12 gol in 147 presenze. Chiusa la carriera di calciatore, nella stagione 1999-2000 con il Galatina ricopre il doppio ruolo di calciatore e allenatore, si cimenta in quella di allenatore. Nobile ha vinto, come calciatore, uno scudetto con l’Inter (88-89) e un Campionato italiano di Serie B con il Pescara. Da allenatore, invece, ha vinto due volte il Campionato ivoriano (Africa Sports 2007 e 2008) conquistando anche, negli stessi anni, due volte il premio come migliore allenatore del Campionato ivoriano.


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.