Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
Milan Udinese "Basket" n 6 2013
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

L’ANTIDOTO E’ GREEN

Il play tascabile ha trasformato l’EA7

di Beppe Vigani   L’arrivo di Marques Green ha cambiato volto all’EA7. Lo dicono le tre vittorie consecutive in campionato (la prima volta in questa stagione), grazie anche all’ex play tascabile di Avellino grande protagonista, sin dal suo esordio. La squadra di Scariolo non è diventata irresistibile, ma sicuramente più equilibrata e incisiva. Anche la vittoria contro Bologna (alla settima sconfitta consecutiva) l’ha dimostrato. Domenica c’è Avellino. Proprio contro l’EA7, Cesare Pancotto, tecnico degli irpini, potrà affidarsi alle cure di Jaka Lakovic: al suo esordio domenica scorsa contro Varese, si è presentato con 9 assist. Lo sloveno è un play-guardia di 34 anni che darà alla squadra un po’ più di classe ed esperienza. Punto di riferimento della nazionale slovena, con la quale ha raggiunto il quarto posto al Campionato Europeo del 2009 e l’ottavo ai Mondiali del 2010, l’uomo di Lubiana ha anche giocato nel Barcellona (con il quale ha vinto due titoli) e nel Galatasaray. Avellino si affida quasi completamente a giocatori stranieri: l’unico a interrompere l’esterofilia del roster campano è Valerio Spinelli. Il giocatore di Napoli gioca poco più di venti minuti di media con ottime percentuali da due (57%), anche se sparacchia da tre (circa il 19%). Il play italiano è un discreto penetratore e contropiedista, ma alterna prestazioni maiuscole a vere e proprie partite anonime. Mustafa Shakur è il play che darà il cambio a Lakovic. L’uomo di Philadelphia ha un buon background. Nel 2011 ha addirittura giocato in Nba, nei Washington Wizard. Nel 2004 ha anche vinto con la nazionale USA il torneo delle Americhe. Tira dal campo con un buon 46% e qualche volta pizzica da tre, ma è anche un buon rimbalzista con quasi quattro palloni catturati a partita. Neanche male come passatore, visti i suoi 3,7 assist di media. Come ruolo da guardia c’è Taquan Dean. Pancotto si affida molto su di lui, con alterni risultati. E’ arrivato il 6 dicembre per sollevare le sorti degli irpini. Non è un tiratore infallibile, anche se sette partite (da quando è rientrato) non sono sufficienti per dare un giudizio definitivo alla sua stagione. Tira col 44% da due e non tocca il 30% da tre. Avellino il 7 dicembre ha ingaggiato Dwight Hardy, l’anno scorso in Legadue a Pistoia, con la quale ha conquistato il titolo di capocannoniere ed è stato eletto Mvp del campionato. Referenze che alla Sidigas potrebbero servire per tirarsi un po’ su in classifica. Hardy è l’alter ego di Dean. Più talento, ma più scostante, tira con un buon 51% da due e il 23% da tre. Un giocatore interessante è Jeremy Richardson. E’ un discreto realizzatore, con buone percentuali: 45% da due e un ottimo 50% dalla linea dei 6,75. Si fa vedere sotto le plance con 3,5 rimbalzi di media. Kaloyan Ivanov è l’ala grande dei bianco verdi, che alterna anche posizioni di post basso. Il bulgaro ha percentuali ottime da due (65%), ma da dimenticare nel tiro da tre.  Buone mani, sotto le plance è un combattente con i suoi 8 rimbalzi catturati a partita. Linton Johnson è il centro di Avellino. Nel 2003 è sbarcato nel pianeta Nba, giocando nei Chicago, ma un grave infortunio gli pregiudicò il prosieguo nel più prestigioso campionato del mondo. Ottimo rimbalzista con più di 8 rimbalzi a partita, ha anche un 55% dal campo. Uomo carismatico, il centro di Chicago è soprannominato Spiderman.


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.