Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
Milan Barcellona "Amarcord" 10 2013
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

di Severa Bisceglia    Anche la Champions League ha il suo amarcord, e che ricordi…, partendo dall’eroe di casa Demetrio Alberini, attualmente vicepresidente della Federcalcio, cresciuto nella ‘famiglia’ rossonera, fatta eccezione per la stagione 90-91 con il Padova in Serie B che gli valse, comunque, il premio quale migliore speranza italiana nello sport promosso dalla Diadora. Il centrocampista brianzolo dal 1988 al 2002 ha indossato la maglia rossonera vincendo cinque scudetti, due Coppe dei Campioni-Champions League, una Coppa Intercontinentale, due Supercoppe europee e tre Supercoppe italiane segnando anche 28 gol (8 nella stagione, per lui la migliore, 96-97) in 406 presenze. Nel Milan di Ancelotti ha dovuto fare spazio ad Andrea Pirlo partendo per la Spagna, prima in forza all’Atletico Madrid e poi, dopo una parentesi italiana alla Lazio e successivamente all’Atalanta, al Barcellona. Con i Blaugrana vincerà il Campionato spagnolo. Oltre ai trofei con il Milan, Alberini in Italia conquista anche una Coppa Italia con la Lazio e un Campionato d’Europa Under-21 nel 1992. Altro personaggio da salutare ‘in piedi’ è Gianluca Zambrotta, campione del mondo con la Nazionale italiana nel 2006 e vice-campione d’Europa nel 2000. Il terzino, considerato tra i più forti della sua generazione,  sboccia nella Juventus guidata da Marcello Lippi e approda al Barcellona il 21 luglio 2006, a seguito delle vicende di calciopoli che hanno spedito la Juve in Serie B, per 14 milioni di euro. Durante la militanza spagnola è stato nominato presidente onorario del Como, squadra in cui è cresciuto ed ha esordito in Serie B. Con il Barcellona di Frank Rijkaard ha vinto una Supercoppa spagnola disputato 58 partite e segnato 3 gol. Il 31 maggio 2008 Zambrotta lascia la Spagna diretto al Milan per 9 milioni di euro più due di bonus. L’esordio in maglia rossonera, 31 agosto 2008, è una sconfitta rimediata contro il Bologna nella prima giornata di campionato e il suo primo gol lo segnerà due giornate dopo contro la Lazio. Con il Milan vincerà uno scudetto e una Supercoppa italiana. La potenza dal nome Zlatan Ibrahimović non poteva mancare nei due Club più titolati, uno dei più forti attaccanti al mondo e unico svedese ad aver vinto per sette volte (di cui sei consecutivi) il Guldbollen (una sorta di Pallone d’Oro svedese) assegnato al miglior giocatore svedese dell’anno solare dal quotidiano Aftonbladet e dalla Federazione svedese. Con l’ingaggio da 14 milioni di euro a stagione oltre a 21 milioni pagati al Milan, dal Paris Saint-Germain per l’acquisto del suo cartellino, resta anche uno tra i calciatori più pagati al mondo, secondo solo a Samuel Eto’o (20,5 milioni di euro). La sua bravura in campo non è sinonimo di attaccamento alla maglia, anzi. Nel luglio del 2008 lo svedese indosserà la maglia numero 9 del Barcellona, lasciata libera dal camerunese Samuel Eto’o passato all’Inter, con cui a fine stagione vincerà già ben 3 trofei: Supercoppa di Spagna, Supercoppa UEFA e Mondiale per club. Lascerà i blaugrana per fare ritorno a Milano, sponda rossonera, nell’agosto 2010. Anche con il Milan vincerà subito lo scudetto, ottavo consecutivo per lui, oltre alla Supercoppa italiana. Anche Ronaldo Luís Nazário de Lima, conosciuto semplicemente come Ronaldo o ‘il Fenomeno’,  ha indossato entrambe le maglie. A Barcellona arriva, non ancora ventenne, nel 1996 e vince subito, in un solo anno in Spagna, la Coppa delle Coppe segnando, nell’intera stagione, 47 reti in 49 partite, un vero fenomeno. Il 2 volte Pallone d’Oro arriva al Milan nel gennaio del 2007, acquistato dal Real Madrid, e nella sua seconda partita segnò la prima doppietta, ma in rossonero non vincerà alcun trofeo. Altro centrocampista – attaccante vincente nelle due squadre è Ronaldo de Assis Moreira, o semplicemente Ronaldinho, che si afferma nel Barcellona (2003-2008) con cui vincerà due Campionati spagnoli, due Supercoppa di Spagna e una Champions League. Al Milan arriverà nel luglio del 2008 dove in due anni non vincerà nulla. Altro brasiliano a servizio delle due compagini Rivaldo, all'anagrafe Rivaldo Vítor Borba Ferriera. Con il Barcellona, in cinque stagioni, vincerà - per due volte consecutive - il campionato spagnolo,  una Coppa del Re e una Supercoppa europea. Nell’unica stagione al Milan vincerà la Champions League, la Supercoppa UEFA e la Coppa Italia. La ‘gallina de oro’ all’anagrafe Maximiliano Gastón López è stato un attaccante del Barcellona poco idealizzato pur vincendo un campionato, una Supercoppa di Spagna e una Champions League. Ancora meno gloriosa la permanenza dell’argentino al Milan. Chiudiamo con l’italiano Francesco Coco che cresce nel Milan, con cui vincerà due scudetti, e, dopo intervalli con cadenza annuale in altre squadre italiane, approda anche al Barcellona per la stagione 2001-2002.


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.