Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
Inter Milan "Rugby Sei Nazioni"
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

 

Spegnete i Dragoni

Senza capitan Parisse, l’Italia prova a fermare il Galles

di Toni Morandi

Non ci sarà Sergio Parisse sabato contro il Galles nella terza giornata del Torneo delle Sei Nazioni 2013, ma non per questo l’Italia dovrà giocare in quattordici. La maglia numero 8, quella del capitano, sarà indossata da Manoa Vosawai, terza linea fijana d’Italia, mentre i gradi passeranno a Martin Castrogiovanni che dopo il suo passaggio da Sanremo è oggi senza ombra di dubbio il rugbista più famoso d’Italia. Sergio Parisse dovrà rimanere fuori per tutto il Sei Nazioni, perché è stato squalificato per trenta giorni (a tutto il 18 di marzo) a seguito dell’espulsione subita  in un match di campionato francese. Nel rugby la squalifica è a tempo e si estende sia per le partite di club sia per la nazionale. Guardando il bicchiere mezzo pieno, questa squalifica, offrirà  una motivazione in più a tutti gli altri giocatori, che dovranno dividersi una parte delle responsabilità, solitamente sulle spalle del capitano Parisse. Per il commissario tecnico Jacques  Brunel invece c’è l’occasione di sperimentare, seppure forzatamente, nuove soluzioni, che in futuro potrebbero essere utilizzati, come un’arma in più. Con o senza Parisse, restano le difficoltà di una partita contro un avversario tosto, che solo un anno fa ha vinto il torneo, realizzando il Grande Slam. Due settimane fa, a Parigi contro la Francia, i gallesi hanno interrotto una serie di otto sconfitte consecutive, rimettendosi in corsa per la vittoria nel torneo, visto che dovranno ospitare l’Inghilterra, l’unica ad aver vinto le prime due partite disputate. Prima di tutto gli azzurri si troveranno davanti ad una dura battaglia fisica e la partita si giocherà proprio sulla capacità italiana di reggere e vincere lo scontro fisico. Soprattutto nel reparto arretrato, quello che un tempo era definita la cavalleria leggera, c’è l’impressionante potenza gallese: a parte Biggar e Halfpenny, dalle misure “normali” tra gli ottantacinque e i novanta chili, gli altri spaccano le bilance: North 109, Roberts 110 kg, Davies 105 kg, Cuthbert 103. La difesa azzurra sarà messa a dura prova, non servirà soltanto essere ben organizzati, ma anche forti nel placcaggio. Jacques Brunel ha cambiato un po’, rispetto all’ultimo match perso contro la Scozia. Scelte nuove, non certo una rivoluzione, dettate dalla necessità di mantenere equilibrio. L’assenza di Parisse ha spinto verso il cambio in seconda linea, dove Antonio Pavanello avrà anche il compito di guidare le scelte in rimessa laterale, una delle aree di responsabilità che in questo inizio di Sei Nazioni era in carico al capitano. Nel reparto arretrato c’è stato il cambio completo dei mediani con Ugo Gori e Chris Burton a occupare il posto rispettivamente di Botes e Orquera. Gli altri sono quelli che hanno affrontato la Scozia, poiché per Sgarbi, uno degli elementi importanti nella vittoria contro la Francia, salterà per infortunio il resto del torneo.Contro il Galles sarà una seconda prova per gli azzurri, per dimostrare che contro la Francia non si è trattata dell’exploit di un giorno.


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.