Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
Inter Juventus "l'Editoriale" 16 2013
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

 

di Beppe Vigani      Inter-Juventus non è mai stata una partita normale. Il compianto avvocato Peppino Prisco ne temeva la maledizione. Un giorno in ascensore mi disse: “Quando incontri quelli lì, la palla non è mai rotonda”. Sono passati vent’anni da allora e le cose sono cambiate. E parecchio. Lui non c’è più, è arrivato il 2006, la Juventus in Serie B, cinque scudetti, una Champions, un Mondiale per club e tante altre coppette, che hanno ingigantito la bacheca nerazzurra. Ahhh caro Peppino… se ci fosse ancora lei. Il match di oggi pomeriggio non semplicemente una gara, è molto di più, soprattutto per l’Inter. Molto di più dei tre punti. Una vittoria per Stramaccioni significherebbe tanta consapevolezza di poter dire ancora la propria nel prossimo futuro, una sconfitta equivarrebbe a un biglietto di sola andata per il prossimo anno: destinazione sconosciuta. Tutto qui, non c’è molto di più. Per Antonio Conte la sfida è importante solo per la classifica. La sconfitta dell’andata brucia ancora, ma il pensiero è rivolto solo ed esclusivamente a vincere prima possibile il titolo. Un successo sulla Juventus manterrebbe in linea di galleggiamento i nerazzurri in chiave Champions League, ma l’immaturità di Stramaccioni, l’incostanza e la pochezza tecnica della squadra, gli infortuni e qualche scelta tattica, a dir poco, discutibile hanno messo il freno a mano a questa squadra che è forte con le forti e debole con le deboli. Come fa una squadra ad ambire all’Europa, perde due volte con il Siena, perde in casa con il Bologna, perde a  Bergamo, a Parma, sciupa punti sempre in casa con Cagliari e Genoa? L’eliminazione dall’Europa League è stata una panacea per Zanetti e compagni che ora, a parte la semifinale di ritorno di Coppa Italia,  dedicheranno le proprie forze per provare a rimediare ai danni commessi sin qui. Non è ancora troppo tardi, anche se davanti ci sono Napoli, Milan e Fiorentina, con le romane che sono alla pari. Non è una situazione facile, ma bisogna provarci. La Juventus non è imbattibile, a patto che Stramaccioni non veda Cassano ancora unica punta e Pereira trequartista (vedi contro il Tottenham a Londra). Errare è umano, perseverare è diabolico. La comprensione questa volta potrebbe servire a regalare un dispiacere a qualcuno. Peppino Prisco l’avrebbe vista così…


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.