Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
Inter Parma "Editoriale" 20 2013
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

 

Beppe Vigani      “Devo conservare l'amore nel mio cuore oggi, altrimenti come sopravvivrò a questa giornata?”, è una frase del “De Profundis”, una lunga lettera di Oscar Wilde al suo compagno Alfred Douglas. Rispecchierà sicuramente quello che si è detto il tifoso interista dopo l’eliminazione dalla coppa Italia. L’ennesima delusione che porta la firma della strategia discutibile di quest’anno del club di Corso Vittorio Emanuele. Il gol di Jonathan aveva illuso il pubblico del “Meazza”, il quale si è, poi, sfracellato nella delusione alla doppietta di Destro e al gol di Torosidis, prima che Alvarez rendesse più morbida la sconfitta. I due gol dell’attaccante giallorosso devono far riflettere Massimo Moratti che, ironia della sorte, è stato punito da uno dei suoi tanti ragazzi ceduti in modo avventato. E’ la giusta punizione per una società che non è riuscita a fermare l’emorragia di giovani (Longo, Livaja, Coutinho, Destro, Bonucci, Caldirola, Andreolli per citarne alcuni dei più recenti), che stanno facendo fortuna altrove. L’ennesima sconfitta di questa maledetta stagione ha tanti colpevoli: sarebbe assurdo non tenerne conto. La volontà di fare un progetto sembra esistere, il problema è che non si vede. Oggi, contro il Parma non basterà una vittoria per pensare positivo, se la stanza dei bottoni nerazzurra, una volta per tutte, non cambia registro. Sarebbe un errore fare fuori Stramaccioni e additarlo come capro espiatorio di una situazione non voluta certamente da lui. L’arrivo di Kovacic è miele per i palati di un pubblico esigente come quello interista, ma la cessione di giovani come Livaja e Coutinho per dare spazio ad alcuni paracarri è una cosa che manda il tifoso dall’analista. I giovani quando si prendono si lanciano in campo, non giù dalla finestra. Alvarez ha cominciato a segnare e a giocare meglio di quanto abbia fatto fino a qualche settimana fa quando ha avuto più spazio. Ai giovani non serve la panchina. Loro devono giocare, sbagliare per crescere. L’esperienza deve andare a braccetto con la gioventù, così si forma la chimica giusta per ambire a grandi traguardi. Ci vuole coraggio, presidente Moratti. Il coraggio che fa grande l’amore di un tifoso, necessario per sopravvivere ai momenti tristi.


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.