Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
Milan Torino "Giro d'Italia" 22 2013
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

 

E’ SCATTATO IL GIRO D’ITALIA

Forfait di Ivan Basso fermato da una ciste

Luigi Sada      Con la Napoli - Napoli, circuito di 156 chilometri, è scattato ufficialmente ieri il 96° Giro ciclistico d’Italia. L’uomo da battere è il canadese Ryder Hesjedal, vincitore della passata edizione, il quale dovrà respingere gli assalti di Vincenzo Nibali, Joaquin Rodriguez, Bradley Wiggins trionfatore allo scorso Tour de France, Mark Cavendish, Cadel Evans e altri campioni allo starter di partenza in rappresentanza delle 23 squadre iscritte. Molti di questi atleti hanno scaldato i muscoli alla Sanremo, nell’Inferno del Nord, dove ha dominato Fabian Cancellara (Freccia Vallone e Parigi-Roubaix) e in Italia con il Giro del Trentino e la Tirreno-Adriatico vinta un po’ a sorpresa dal nostro Vincenzo Nibali. Ma in questo Giro, che è partito dal sud, con il programmato e inedito traguardo finale di Brescia, dopo 3.405 chilometri suddivisi in 21 tappe, c’è posto per tutti. Sono, infatti, ben sette gli arrivi in salita dove gli scalatori come Domenico Pozzovivo, Michele Scarponi, Joaquin Rodriguez, Danilo Di Luca, Stefano Garzelli e il già citato Vincenzo Nibali. potrebbero giocare le carte per vincere la corsa. La regina delle salite sarà il favoloso Galibier che verrà affrontato sulle strade francesi domenica 19 nella frazione che prenderà il via da Cesana Torinese. La pendenza del Galibier è del 6,8 per cento e l’asperità in lunghezza misura 18,1 chilometri. In ordine di tempo gli arrivi in salita sono i seguenti: 4a tappa Policastro Bussentino-Serra San Bruno; 10a Cordenonos-Altopiano del Montasio; 14a  Cervere-Bardonecchia (Jafferau); 15a Cesana Torinese-Galibier; 18a Cronoscalata Mori-Polsa; 19a Ponte di Legno Val Martello col Gavia, Stelvio e Val Martello; 20a Silandro-Tre Cime di Lavaredo (Auronzo di Cadore) col San Pellegrino, il Giau, le Tre Croci e le Tre Cime di Lavaredo. La Cima Coppi (la vetta della corsa rosa) , come lo scorso anno, è fissata allo Stelvio con i suoi 2.758 di altezza. In questa edizione del 2013 sono diversi gli arrivi inediti: Eccoli: Forio, Marina di Ascea, Serra san Bruno, Margherita di Savoia, Altopiano del Montasio, Vajont, Cherasco, Col du Galibier, Ivrea, Polsa, Val Martello. Il Giro quest’anno sfiorerà di poco la Lombardia con la frazione Caravaggio-Vicenza ma come detto avrà il suo importante epilogo a Brescia, la città della Leonessa. La Rai trasmetterà la gara in diretta in 165 Paesi. Per la prima volta ci sarà una troupe della televisione cinese. Sono previsti lungo il tracciato circa dieci milioni di spettatori. Il direttore del ciclismo RCS Michele Acquarone ha spiegato il perché dell’inedito epilogo nella città della Leonessa: “Brescia meritava questo premio. Milano resta sempre l’epicentro del Giro. Stavolta abbiamo fatto un’eccezione per regalare ai tifosi il meglio di noi stessi”. La tappa conclusiva di Brescia parte da Riese Pio domenica 26 ed è lunga 199 chilometri. L’ultima e unica partenza da Napoli della Carovana Rosa risale invece al lontano1963. A Potenza, dove si concluse la prima tappa, sfrecciò Vittorio Adorni. Il Giro venne vinto da Franco Balmamion. Oggi, seconda frazione, con la cronosquadre da Ischia a Forio sulla distanza di 17,4 chilometri. Il giorno 22 tutti a Caravaggio per seguire la tappa con arrivo a Vicenza.   


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.