Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
Milan Torino "Amarcord" 22 2013
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

 

Severa Bisceglia       Cesare Maldini, padre del mitico Paolo rossonero, dopo l’esordio come difensore  con la Triestina, di cui diviene capitano già l’anno successivo, del 24 maggio 1953 arriva al Milan nella stagione 54-55 e vi resta per undici anni segnando 3 reti in 347 partite. Con i rossoneri vince quattro scudetti, una coppa Latina e la gloriosa Coppa Campioni del 1963 che alza come capitano a Wembley battendo il Benfica del mitico Eusébio. Maldini è stato anche capitano della Nazionale azzurra. Chiude la carriera di calciatore indossando per una sola stagione la maglia del Toro con cui colleziona 33 presenze. Smesso con il calcio giocato si tuffa  nella carriera di allenatore pensando subito in grande: la stagione 71-72 è viceallenatore al Milan e successivamente dal ‘72 al ’74 diviene ufficialmente l’allenatore rossonero. Come allenatore vince nella stessa stagione la Coppa delle Coppe e la Coppa Italia. Il portiere Christian Abbiati inizia la sua carriera tra i pali, all’età di undici anni, nell’Aurora OSGB di Abbiategrasso. Nel 1999 fa il suo debutto in Serie A con la maglia del Milan al 92° minuto contro il Perugia per sostituire il portiere titolare Sebastian Rossi causa espulsione. Da allora è diventato portiere titolare dei rossoneri contribuendo con una sua parata decisiva, nell’ultima giornata di campionato sempre contro il Perugia, alla conquista dello scudetto 98-99 del Milan allenato da Alberto Zaccheroni. Il 2005 e l’anno successivo li passa all’ombra della Mole, prima in prestito gratuito alla Juventus in sostituzione dell’infortunato Buffon e contribuendo alla conquista dello scudetto bianconero, titolo assegnato poi all’Inter a seguito delle vicende legate a Calciopoli, e l’anno successivo indossa, sempre in prestito gratuito, la maglia granata contribuendo alla salvezza della squadra. Dopo aver passato ancora un anno in prestito, ma questa volta in terra spagnola con l’Atletico Madrid, torna al Milan rifiutando la cessione al Palermo. Torna a giocare da titolare fino al 15 marzo 2009, quando ha subito l’infortunio al ginocchio destro in uno scontro fortuito con il compagno di squadra Favalli. Dieci mesi dopo l’infortunio torna in campo contro l’Udinese, gara valida per i quarti di finale della Coppa Italia. Oggi Abbiati è ancora legato al Milan con un contratto fino al 30 giugno di quest’anno. Paulo Vitor de Souza Barreto, attuale attaccante del Torino, ha giocato nelle giovanili del Milan (in prestito dal Treviso) nel 2002. Con la formazione allievi rossonera partecipa vincendo il “Torneo Città di Arco” battendo in finale la Fiorentina. A fine stagione tornerà a Treviso e, dopo Udinese, con cui esordisce in Serie A, ancora Treviso e Bari, torna definitivamente in questa stagione a Torino, sponda granata. Tra i tanti ex di entrambe le squadre troviamo l’attaccante Gianni Alessio Bui, dal ’70 al ’74 in forza al Torino con venti gol in settantasette incontri e una stagione al Milan con due sole presenze a rete inviolata. Il centrocampista Pietro Buscaglia che con il Toro (1934-1938) ha segnato trentacinque reti in ottanta gare disputate e che nelle successive tre stagioni ha indossato i colori rossoneri in 40 partite e dieci reti messe a segno. Negli anni concitati del grande Torino di Valentino Mazzola faceva capolino nel capoluogo piemontese l’attaccante Riccardo Carapellese, pugliese di Cerignola, cresciuto nelle giovanili dei granata. Non trovando spazi nell’imbattibile Toro di quegli anni, inizia a calpestare i campi di Serie A con la maglia del Milan, con cui resta fino al 1949, indossando anche la maglia della Nazionale. Dopo la tragedia di Superga viene richiamato alla ricostruzione del Torino e, nella stagione ’49-’50, succede a Valentino Mazzola come capitano sia dei granata che in Nazionale. Con il Milan totalizzerà cinquantadue gol in centosei presenze e con la maglia granata novantotto presenze e ventotto reti. Tornando al calcio dei giorni nostri, tra gli ex troviamo l’attaccante Christian Vieri che inizia, proveniente da Prato, nelle giovanili del Torino, squadra con cui farà l’esordio in Serie A il 15 dicembre 1991 contro la Fiorentina. L’esperienza con i granata dura poco, sette presenze e un gol. Figlio del “Mondo” come nella vita privata, nato in Italia ma vissuto fino a 14 anni con la famiglia in Australia, sceglie il calcio gitano indossando ben 13 maglie diverse, due delle quali all’estero: Monaco e prima ancora Atlético Madrid con cui si aggiudica il titolo di capocannoniere con l’incredibile bilancio di ventinove gol in trentuno presenze di cui 24 gol in 24 partite nella Liga. Il 100% di resa lo porta a conquistare il “Trofeo Pichichi”, il primo, e finora l’unico, italiano ad averlo vinto. Delle tante piazze calca anche il campo dello stadio Meazza, sia in nerazzurro che rossonero. Con il Milan, come con il Torino, gioca poco. Il 5 luglio 2005 firma un contratto biennale con i Diavoli che, però, abbandonerà dopo solo otto partite giocate in campionato e un gol segnato. L’altro gol lo segnerà in Coppa Italia. Anche il terzino Ignazio Abate, l’ex difensore Francesco Coco, il centravanti Giancarlo Bacci, il difensore Walter Bianchi, l’attuale centrocampista del Brescia Alessandro Budel, l’ex attaccante argentino Nestor Combin e tanti altri hanno indossato la maglia rossonera e quella granata, magari per alcuni solo nelle squadre giovanili della società lombarda o di quella piemontese.


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.