Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
Inter Udinese "amarcord" 25 2013
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

 

Severa Bisceglia      Correva l’anno 1958 quando si presentò in prima squadra con la maglia bianconera, quella friulana, un ragazzo ventenne che sarebbe diventato da li a poco uno dei più grandi terzini degli anni sessanta: Tarcisio Burgnich. La “Roccia” (soprannome nato in occasione dello scontro avuto con Carlo Novelli che disse al suo compagno di squadra Armando Picchi, faticando non poco ad alzarsi, di essersi appena scontrato con una roccia) cresce nelle giovanili dell’Udinese con Dino Zoff e debutta in prima squadra nell’umiliante partita contro il Milan di Lorenzo Buffon, Cesare Maldini e Nils Liedholm, già matematicamente campione d’Italia,  persa per 7-0. Giocherà con le Zebrette anche l’anno successivo. Dopo un anno passato alla Juventus, con cui vinse subito lo scudetto, e uno a Palermo, arriva all’Inter per volere di Helenio Herrera, altre fonti attribuiscono il merito del trasferimento a Italo Allodi, per 100 milioni di lire. Vince lo scudetto alla sua prima stagione nonostante le difficoltà che lo vedono impegnato anche nel servizio militare a Bologna costringendolo, così, a saltare diversi allenamenti con i compagni. In nerazzurro colleziona 467 presenze in dodici anni conquistando quattro scudetti, due Coppe dei Campioni e due Coppe Intercontinentali. Altro personaggio di tutto rispetto, campione del mondo in Spagna 1982,  sei scudetti, una Coppa Italia e una Coppa UEFA con la Juventus, è il leccese Franco Causio. Il Barone esordisce in Serie A con il Lecce, ma la Juventus, squadra in cui ha dato il massimo, ci vede lungo e lo porta Torino per calcare le scene del calcio che conta. Dal 1981 al 1984 indosserà l’altra maglia bianconera, quella dell’Udinese, giocando ad alti livelli che lo portano a riconquistare la maglia della nazionale. Con i friulani segnerà undici reti in ottantatré  presenze. Nel 1984 si trasferirà all’Inter per una sola stagione, prima di fare ritorno a Lecce, giocando 24 incontri senza segnare. Un breve tuffo negli anni ’50 ci riporta alla mente, fra glia altri,  il portiere Livio Puccioni, all’Inter per 2 stagioni e una passata all’Udinese, e il centrocampista Giorgio Tinazzi che indossa la maglia dell’Inter per due stagioni non consecutive totalizzando tredici presenze e due gol, passato poi all’Udinese trova maggiore continuità di gioco e segna tre reti in ventuno presenze. Tornando al più recente passato troviamo, qualche anno dopo, Olivier Bierhoff  che con l’Udinese vinse il titolo di capocannoniere ( ottantasei presenze e 57 reti) passo all’Inter nel 1991 senza mai scendere in campo, Fulvio Collovati campione del mondo in Spagna ’82 e oggi opinionista della Rai. Il difensore centrale, cresciuto nelle giovanili del Milan con cui gioca anche in prima squadra fino all’82 conquistando, tra l’altro, lo scudetto della stella, passa nelle file dell’Inter in cambio di Pasinato, Canuti e Serena nel 1982. Decise di passare ai cugini dopo la seconda retrocessione del Milan in Serie cadetta, la prima a termine della stagione 79/80 arriva la condanna alla Serie B per illecito sportivo, in questo caso Collovati non abbandona la barca, e la seconda retrocessione è decisa dal campo. Questa volta, però, il difensore non ci sta e, a spese di non poche contestazioni che lo accusano di tradimento (in occasione di una partita a Como fu colpito da un sasso lanciato da un tifoso milanista negli spalti), si trasferisce sull’altra sponda del naviglio dove resta fino all’86 segnando tre gol in 109 presenze. A termine dell’avventura nerazzurra si trasferisce a Udine per una stagione che gli consente di scendere venti volte  in campo e mettendo a segno anche due reti. Fra i tanti ex delle due squadre troviamo anche Beniamino Abate, Antonio Bacchetti, Marco Delvecchio, Pietro Fanna, Davide Fontolan, e, oltre a tanti altri, anche l’attualissimo Samir Handanovic.


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.