Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
Inter Fiorentina "Lara Comi intervista Cofferati"
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Le interviste di Lara Comi    Sergio Cofferati

“Mazzarri grande motivatore, l’Inter corre… verso lo scudetto”

Alvarez la sorpresa, Zanetti un miracolo della natura. Il matrimonio con Thohir s’ha da fare

Quale giocatore è la più grande sorpresa dell’Inter di quest’anno?

Alvarez  ha fatto il salto più grosso, un giocatore che sembrava spento. Jonathan in realtà già a fine anno scorso stava giocando bene. Merito di Mazzarri e della sua capacità di motivare i giocatori: gli dà fiducia, gli parla direttamente. Non dimentichiamoci che molti sono giovani”.

Mazzarri assomiglia più a Sacchi o a Trapattoni?

Il suo è un calcio particolare, forse un po’ ibrido. Ha forte propensione all’attacco senza mai dimenticare la fase di copertura. Ha cambiato la preparazione e vedere che i giocatori corrono è un bel vedere. Dove è andato ha sempre fatto bene e ha ottenuto risultati”.

Sulla sponda milanista c’è stato il ritorno di Kakà, su quella interista è mancato quello di Eto’o. Rimpianti?

Eto’o ha dato molto, non è più in fase ascendente e ha anche qualche anno in più. Sarebbe stato un ‘di più’ che avrebbe potuto creare problemi all’allenatore come forse li sta dando Llorente alla Juve. Troppi ricambi mettono in difficoltà. Se poi Milito torna in forma…”.

Alla fine la telenovela con Thohir sembra finita.

Moratti ha bisogno di vendere e Thohir ha bisogno dell’Inter per arrivare in Europa. Gli interessi sono convergenti, questo ‘matrimonio s’ha da fare”.

L’Inter è stata la squadra che ha fatto il maggior passivo nel mercato. Eppure non sono arrivati top player.

Probabilmente pesano altre voci, stipendi, l’organico robusto. Io dico che se arrivano persone disposte a investire è sempre positivo. Fidiamoci di Moratti, la lentezza della trattativa con Thohir è un buon segnale che si stanno facendo le cose con oculatezza”.

Cosa manca ancora alla squadra  per essere super?

Crederci, il ritorno di Milito e Zanetti, e pensare con gradualità. Se l’organico gira bene il salto è quello che ci proietterà in Europa. E al prossimo giro ci vorranno poi investimenti mirati  e ad alto livello. Il primo obiettivo è dare stabilità alla difesa. Vale la vecchia regola, prima non prenderle”.

La partita con la Juve ha decretato che l’Inter può lottare per lo scudetto?

Ha detto che l’Inter è competitiva e può giocare senza soggezione anche con una squadra fortissima e rodata come la Juve. Per lo scudetto l’Inter c’è, ma la compagnia è ampia a cominciare da Napoli e Roma”.

L’Inter ospita la Fiorentina, un’ottima squadra ma Gomez e Cuadrado sono fermi ai box. Tutto più facile?

Mai sottovalutare gli avversari, sarebbe un grosso errore. Certo sono assenze pesanti, ma i sostituti avranno più stimoli e daranno di più, dunque dobbiamo sempre avere il giusto timore”.

La Curva Nord resterà chiusa per i cori razziali contro la Juve. Decisione giusta o sbagliata?

Giusta, anche se la responsabilità della società in questi casi è limitata. È un problema di educazione. Sono molto rammaricato per questo comportamento. Una delle cose più importanti da fare fuori dal campo è sconfiggere questa tendenza sciocca a un razzismo misto a ignoranza che va contrastato”.

C’è un quarantenne nell’Inter che scalpita e vuole rientrare…

Zanetti è un miracolo della natura, è impressionante, ha ancora voglia di essere in campo. Speriamo rientri presto, ci servono la sua esperienza e il suo carisma”.


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.