Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
Milan Roma "Editoriale" 42 2013
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

di Beppe Vigani

L’Italia si lecca le ferite, Milano si concede il lusso di ridere a metà. L’Europa ha massacrato la Juventus e beffato il Napoli che “retrocedono” in Europa League. E’ l’agrodolce epilogo del primo turno di Champions League appena conclusosi. Ora i rossoneri si rituffano in campionato ebbri di gioia per un passaggio di turno avventuroso, effettuato con qualche rischio gratuito (vedi il pestone che è costato l’espulsione di Montolivo). Non sarà una passeggiata con la Roma che ritrova il suo capitano. Da quando Totti si è infortunato i giallorossi hanno conseguito tre pareggi consecutivi, è bastato vederlo in panchina per tornare a vincere. Ha detto bene Rudy Garcia: “Francesco non è un leader è un fuoriclasse”. Quasi una provocazione, ma sono i fuoriclasse che fanno vincere, se i leader sono dei brocchi le partite le fanno perdere. Il panettone, quindi, Massimiliano Allegri lo mangerà e probabilmente anche Ariedo Braida farà il cenone in casa Milan. Qui cominciano le note dolenti. L’assetto manageriale rossonero sarà smantellato e non si capisce perché. Il padrone di casa può far ciò che vuole, ma non per questo deve rischiare di mandare tutto alla malora per accontentare una figlia che, per il momento, è nota solo per altre faccende. L’affare-Tevez è ancora parco di spiegazioni ufficiali, ma la verità non è lontano dall’immaginazione. Non hanno bisogno di pubbliche difese né Galliani, né Braida, ma sappiano i milanisti che una coppia così non esiste e che i grandi anni di trionfi non tornano più indietro. Non per fare la Cassandra, ma quel passato non ci sarà più e per questo alcuni dirigenti devono essere ricordati per sempre. Chiunque ha scheletri nell’armadio, ma allora parliamo di politica che ci divertiamo di più. Non sappiamo se la qualificazione agli ottavi ha di fatto cambiato la stagione del Milan anche in campionato, di sicuro è un obiettivo centrato. Juventus e Napoli, squadre di gran lunga migliori di quella rossonera, hanno lasciato la pelle laddove erano state chiamate a dare credibilità, ma la Champions è una tradizione e come tale va rispettata. C’è dell’altro all’orizzonte: il campionato che continua a essere lo specchio fedele del nostro Paese. Andamento lento e stanco, ma sempre duro e tosto, come un buon barbaresco, gradevole, affidabile e raffinato. “Bevendo gli uomini migliorano: fanno buoni affari, vincono le cause, son felici e sostengono gli amici”, lo diceva Aristofane.


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.