Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
Inter Milan "intervista a Fulvio Collovati"
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

 

Fulvio Collovati: “E’ finito il tempo degli 0-0”

Al Milan mancherà Montolivo. Se l’Inter gioca “alla Mazzarri” può far male

Emanuele Tramacere           Difensore centrale dotato di grande capacità tecnica, Fulvio Collovati a Milan ha trovato, per larga parte della sua carriera una casa da cui difficilmente si sarebbe staccato. Nato e cresciuto nelle giovanili rossonere, con il Milan ha esordito, ha ottenuto la gioia dello scudetto della stella (disputato da titolare) e si è anche sacrificato (retrocedendo in Serie B). Poi la rottura e la decisione, nell’estate dell’82, di passare il naviglio e accasarsi all’Inter. Con i nerazzurri disputò 4 stagioni, ma è con la nazionale italiana che Collovati, proprio in quella famosa estate, trovò la più grande soddisfazione di tutta la carriera: si laureò Campione del Mondo con l’Italia allenata da Enzo Bearzot.

Che partita si aspetta?

Mi aspetto una partita decisa da degli episodi. Sono finiti i tempi dei derby che finiscono 0-0. Vedendo la realtà delle difese sicuramente mi aspetto una partita con gol da entrambe le parti e, vedendo come si sono comportate le due formazioni nell’ultimo periodo, probabilmente vincerà chi farà meno errori in difesa. Il potenziale del Milan in fase offensiva è molto più ampio di quello nerazzurro. Allegri fa giocare la sua squadra con due e a volte anche con tre punti. L’Inter invece si ostina a giocare con una sola punta e questo condizionerà il gioco delle due squadre. Se l’Inter giocherà alla Mazzarri, ovvero con le ripartenze allora potrà fare bene, ma se deve rincorrere come fatto con il Napoli, abbiamo visto che fa enormemente fatica.

L’Inter giocherà “in casa” ma senza i suoi tifosi più accesi. Può influenzare il risultato la squalifica della curva?

Dal punto di vista coreografico è sicuramente un dispiacere. Però non credo che andrà ad influire sul rendimento della squadra. Io ho giocato i derby per 12 anni, ma nel momento in cui inizia la partita ci si concentra solo sul campo. Quando si deve giocare il contorno non è più importante come può sembrare in televisione.

Non ci sarà Ricky Alvarez, squalificato e in campo dovrà scendere forzatamente Fredy Guarin che, però, ha già le valigie pronte…

Ma sai, nel 2013 ormai se sei un professionista non dovresti guardare questo genere di discorsi. Credo che se scenderà in campo Guarin saprà dara tutto. Ciò che mi stupisce, invece è che l’Inter di Thohir debba fare cassa cedendo un giocatore come lui. Se Guarin non rientra nei piani tecnici di Mazzarri allora va bene una cessione. All’Inter non ha mai convinto al 100% è vero,  ma se deve essere ceduto soltanto per racimolare un gruzzolo da spendere sul mercato allora non va bene e piuttosto mi terrei Guarin.

Il Milan è riuscito, nonostante le difficoltà, a non fallire gli appuntamenti più importanti dell’ultimo periodo. E’ un buon segnale?

Il Milan è in ripresa, questo è fuori discussione. È in ripresa perché prima aveva delle difficoltà sia in fase difensiva che sul piano del gioco, ma già contro la Roma ha avuto degli spunti interessanti. Ha migliorato la manovra offensiva dando qualità all’attacco. Ecco, se devo dire cosa mancherà a questa squadra nel derby, beh, potrebbe pesare molto l’assenza di Montolivo che, nell’ultimo periodo, è sembrato il giocatore chiave per questo tipo di discorsi.

Questo Milan ricorda quello del 2010 con Leonardo in panchina? Forte e pericoloso in attacco tanto quanto traballante in difesa?

Il Milan è in ripresa, ha queste caratteristiche, è vero, però quel Milan è arrivato secondo alla fine del campionato e pensare oggi che questa squadra possa arrivare a toccare una posizione da Champions League mi sembra sia impossibile. Le prime tre forze del campionato sono ben delineate.

Capitolo dirigenti: Thohir e Barbara Berlusconi sono alle prese con delle piccole rivoluzioni. Ma il mercato è ancora nelle mani di Marco Branca e Adriano Galliani. Cosa può significare per le due squadre?

Ma, io credo che per ora non cambi molto, ma sicuramente un passo importante entro la fine dell’anno verrà fatto e qualcosa cambierà. Non a gennaio, ma a giugno sicuramente qualcosa negli assetti societari muterà, anche perché i segnali arrivati finora vanno in direzione di una rottura.


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.