Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
Siena -la storia-23
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Panforte, amore e fantasia

I recenti risultati del Siena non guastano la fiducia del presidente Mezzaroma nei confronti del tecnico Sannino. La squadra ha effettivamente raccolto meno punti di quanti ne meritasse nelle ultime partite

di A.S. Bisceglia

  “Non dobbiamo scordarci la nostra realtà da neo-promossa e l’obiettivo della salvezza. Sono molto soddisfatto del lavoro fatto dal mister”. Sono le parole del presidente del Siena. E su queste, non si scherza. Massimo Mezzaroma dà piena fiducia al proprio allenatore, Giuseppe Sannino. Insieme, guardano alla storia, alla società che fu, a quell’Associazione Calcio Siena, denominata anche… “Robur”, che, fondata nel 1904, assunse l'attuale nome solo qualche anno dopo, nel 1908. È facile in questo lungo corso segnare con l’evidenziatore giallo elettrico gli episodi che hanno marchiato la vita della squadra bianconera. Come la “Notte di Genova” e il 31 agosto 2003, quell’esordio in serie A sul campo di Perugia con le reti di Ardito e Taddei. Poi, la cinquina di Renato Tambani nel mitico spareggio a Roma con il Chinotto Neri o quello finito male (ancora a Genova…) con l’Ozo Mantova, che avrebbe precluso ancora per 40 anni la serie B. I tre presidenti della storia sono commemorati con le intitolazioni di settori dello stadio: Danilo Nannini, Vittorio Beneforti, Paolo De Luca. Più di un secolo di emozioni. L’iperspazio collega il primo presidente, Attilio Calzoni, a quello attuale, Mezzaroma. Brividi, sempre, come quelli vissuti a cavallo della Seconda guerra mondiale. Il primo grande risultato fu nel ‘34-‘35. Dal 1923 il Siena gioca a San Prospero, dopo gli esordi in Piazza d’Armi e spicca il volo verso la serie B. Nel 1937-‘38 è ancora serie B e l’anno successivo nella conca del Rastrello viene inaugurato lo stadio dedicato a “Rino Daus”, diventato “Comunale”, “Artemio Franchi” e “Montepaschi-Arena”. Il 20 giugno 1948, a Rieti, si gioca quella che resterà l’ultima partita di B per oltre mezzo secolo. Arriva anche la Quarta Serie. Sono anni bui, almeno sino al 5-1 di Roma con il Chinotto Neri, coronato dal titolo di campione ottenuto battendo la Reggiana. Ma il 28 giugno 1959, a Genova, la citata sconfitta con l’Ozo Mantova preclude ancora la serie B. Sono gli anni di Danilo Nannini, che si alternerà con Vittorio Beneforti fino agli anni Ottanta garantendo la continuità della Società. In campo Antonio Monguzzi firma le sue 368 presenze. È un record imbattuto. I senesi tuttavia non si muovono più dalla C: anzi, sprofondano in D. Per più di vent’anni è un barcamenarsi tra C2 e C1 . Dal 2000 è un volo in serie B. L’uomo dei sogni è Paolo De Luca. Il 24 maggio del 2003 è Serie A con Papadopulo in panchina.

Info su www.acsiena.it


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.