Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
Milan Verona "i Cugini" 3 2014
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

 

Reazione furente!

L’Inter vuole vincere con il Genoa per allontanare il momento difficile

Emanuele Tramacere            Rabbia e sconcerto. Nonostante una settimana di lavoro alle spalle, in casa Inter lo scottante pareggio contro il Chievo Verona, con tutti i suoi strascichi legati alle decisioni arbitrali, ha lasciato il segno su un ambiente già provato e giunto ormai a un punto di rottura totale con chi il calcio dovrebbe governarlo. Walter Mazzarri predica ancora calma, ma dopo gli ennesimi episodi che stanno condizionando l’andamento di una stagione importante per il percorso di rifondazione nerazzurro è dai giocatori e dai dirigenti interisti che arriva il monito più importante: la misura è colma, nessuno chiede miracoli, bensì che quanto accade in campo sia valutato con attenzione. Una rabbia, quella esplosa all’interno dei cancelli di Appiano Gentile, che assomiglia non poco, seppure in forma positiva, a quella che si respirava a inizio stagione sotto forma di voglia di rivalsa nei confronti di una stagione terminata in modo non consono al blasone che la storia dell’Inter porta con sé. A inizio anno si partì con uno sprint in grado di esaltare tutti, dagli addetti ai lavori, fino agli stessi giocatori. Un’esaltazione smarrita nel corso del prosieguo della stagione e che, nella sfida contro il Genoa, aveva seminato i primi germogli della iniziale rinascita. All’andata finì 2-0 in virtù delle reti di Yuto Nagatomo e Rodrigo Palacio i due cannonieri principi di questa stagione. Di quel Genoa arrivato a San Siro, tuttavia, non è rimasto granché. Fabio Liverani non è più l’allenatore del Grifone e al suo posto siede sulla panchina rossoblù Gian Piero Gasperini, ex dal dente super avvelenato per il trattamento riservatogli dalla società nerazzurra. Francesco Lodi, perno del centrocampo, ha lasciato Genova per tornare al Catania e del 4-3-2-1 dell’allenatore romano non rimane che il terminale offensivo, quell’Alberto Gilardino tremendamente in corsa per una convocazione mondiale al termine della stagione. Spazio alle due punte, invece per Walter Mazzarri, che dovrebbe abbandonare la prudenza dando spazio al tandem Palacio-Milito in attacco. Il rientro fra i convocabili di Fredy Guarin potrebbe complicare la rivoluzione tattica dell’allenatore toscano che, infatti, difficilmente potrà schierare Alvarez e Guarin in contemporanea in mediana a supporto del perno centrale Esteban Cambiasso. Le uniche certezze, ancora una volta, arrivano dal pacchetto arretrato e dagli esterni dove le assenze di alternative valide confermeranno i 5 titolari di questa parte di stagione, con Andrea Ranocchia ancora destinato alla panchina. Genoa-Inter sarà la partita della rabbia, di quella reazione d’istinto che le formazioni allenate da Mazzarri hanno sempre avuto ma che, sull’altare della prudenza, erano state abbandonate dallo stesso tecnico. Vincere ora diventa l’unico risultato possibile. Il mercato, poi dirà quanto potrà cambiare da qui alla fine della stagione.


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.