Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
Inter Catania "Coppa Italia" 4 2014
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

 

SEEDORF GIA’ BRUCIATO?

ALLA JUVENTUS NON RIESCE NEPPURE IL ‘TRIPLETINO’

Severa Bisceglia       Tempi duri per il calcio milanese, ma anche la Juventus, fatta eccezione per la ricorsa al solito scudetto, ormai non farebbe neppure più notizia, in tutte le competizioni extra campionato dimostra dei limiti, con ogni probabilità, imputabili ad una condizione psicologica. Fuori dal campionato la Juve non vince. I giallorossi di Garcia sono riusciti ad eliminare in Coppa Italia la Vecchia Signora grazie a una prodezza di Gervinho che ha incendiato lo stadio. Il turn over è costato caro a Conte, che pensava con Storari e compagni di tenere lo stesso in scacco l’avversario colpendolo nel quarto d’ora finale. E’ andata male e ora i bianconeri sono tutti concentrati sul campionato, obbiettivo principale insieme all’Europa League la cui finale si svolgerà proprio allo Juventus Stadium. Tornando al calcio di casa nostra, il Milan, ci dispiace per i tifosi che hanno sperato nella bacchetta magica di Seedorf, è messo veramente male. Una squadra incapace di fare il gioco che, invece, è riuscito benissimo all’Udinese. I rossoneri si giocano in casa, il fattore campo avrebbe dovuto metterli psicologicamente nella condizione di partire con un virtuale gol di vantaggio, probabilmente l’unica porta di accesso all’Europa del prossimo anno. Il Milan è fuori anche dalla Coppa Italia, come l’Inter, e tutte e due clamorosamente eliminate dall’Udinese di Guidolin, squadra in piena crisi in campionato, secondo i media, dopo la sconfitta casalinga di domenica scorsa con la Lazio. Per Seedorf fine di un’illusione, sì perché col Verona, battuto da un rigore realiazzato da Balotelli, qualcuno si era messo già in testa che il Milan fosse guarito dopo tre soli giorni di cura dell’olandese volante. Purtroppo i conti si fanno a mente serena e siccome il Milan di San Siro delle ultime due gare (col Verona e l’Udinese) era lo stesso del match col Sassuolo questi sono i risultati. In pratica, quelli ottenuti da Allegri in questa sua ultima gestione. Con l’Udinese tutto sembrava facile, specialmente dopo il gol iniziale di Balotelli. Invece, il Diavolo, col trascorrere dei minuti, si è sciolto come neve al sole subendo il forcing dei friulani, concretizzato prima col rigore messo a segno da Muriel, poi con la stoccata finale di Nico Lopez, uno dei tanti assi nella manica di Guidolin. Milan, dunque, a casa con tanto di fardello sulle spalle di Seedorf che sicuramente non si aspettava una figuraccia simile davanti al pubblico di San Siro e consapevole di rischiare la stessa sorte toccata al collega Andrea Stramaccioni. La differenza fra i due tecnici è lampante, l’ex tecnico nerazzurro è arrivato in prima squadra dopo l’esperienza, seppur poca cosa rispetto alla Serie A, acquisita con la Primavera, Seedorf si siede in panchina per la prima volta arrivando direttamente dal calcio giocato e, come se non bastasse, su una piazza come quella milanese, con tutto il rispetto per le altre squadre. L’olandese rischia di bruciarsi, esattamente come Stramaccioni.


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.