Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
Milan Torino "l'On Lara Comi intervista Stefano Maullu"
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

 

Lara Comi  intervista Stefano Maullu amministratore delegato di Tem ed ex assessore della Regione Lombardia

“Seedorf fa bene a rischiare, serve vincere e convincere”

Se Berlusconi in futuro dovesse cedere la società spero rimanga in famiglia

Due vittorie su due in campionato col minimo scarto, ma il Milan a Cagliari se l’è cavata per il rotto della cuffia. Per ora il “calcio champagne” può attendere?

“Beh, il Milan che mi ha dato più entusiasmo è stato quello di Rijkaard e Gullit che faceva un calcio spettacolo. Ma per ritornare a quel passato servono investimenti”.

Ma non è troppo rischioso giocare con una punta e tre mezze punte?

“Seedorf vuole vincere e convincere e forse anche compiacere il Cavaliere che è un noto amante del bel gioco. Senza scomodare Nereo Rocco, bisogna fare, e  per fare serve rischiare”.

Seedorf è l’allenatore giusto per aprire un ciclo?

“È giovane, è stato un grande calciatore, certo non ha esperienza come tecnico, questo sì. Ora lo aspetta la prova del nove: può entrare nel circuito degli allenatori veri o rivelarsi un buco nell’acqua. Per lui è una sfida straordinaria”.

Balotelli con il nuovo tecnico metterà la testa a posto?

“Balotelli è  geniale ma va coltivato con attenzione, ha bisogno di essere coccolato. Seedorf, col suo carisma, può saper toccare le corde giuste ed essere il suo miglior tutor”.

È arrivato Essien. Soddisfatto del mercato di gennaio o si doveva fare meglio?

“Si poteva fare meglio ma poi tutti devono fare i conti con i… conti. O si rispettano gli equilibri di bilancio o si finisce come l’Inter che è stata costretta a chiamare un presidente dall’altra parte del mondo”.

Se un giorno Berlusconi cedesse la società?

“Spererei in un passaggio dinastico, che rimanga tutto in famiglia. Il Milan è ormai legato a Berlusconi che gli ha dato una dimensione internazionale facendolo diventare uno dei  club più titolati al mondo”.

Oggi il Milan è l’unica squadra che rappresenta l’Italia in Champions. Ma il prossimo anno rischia di uscire dall’Europa.

“Spero che ciò non accada, essere in Europa è fondamentale  e lo è sempre stato nella filosofia della società: il ritorno di immagine, e non solo, è troppo importante”.

Il Milan è stata superato dalla Juve in quanto a ricavi ed è lontano da Real, Barcellona e Bayern che incassano di più. Cosa dovrebbe fare la società?

“Il Milan sta già facendo molto con il merchandising. Il brand è straordinario, è legato alla città di Milano e con una squadra vincente, in chiave Expo, potrebbe essere valorizzato e sfruttato ancora meglio. Magari con uno stadio di proprietà da utilizzare per eventi diversi”.

Guardando alla classifica il calcio milanese è in crisi. Perché?

“Questione di cicli che nascono e si chiudono. Poi bisogna esser bravi a ripartire e reimpostare la società, rinnovare, inserire giovani. In quest’ottica la scelta di Barbara Berlusconi come amministratore delegato va nella giusta direzione”.

Il Milan affronta un Torino che in classifica è più avanti e ha punte insidiose. Rischia?

“Milan-Torino ha il sapore di  vecchie sfide, ma i rossoneri ce la faranno. La squadra viene da due vittorie in campionato e non c’è il due senza il tre, no?”.


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.