Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
Milan Siena -la partita-23
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Recuperare il terreno perduto

Per il Milan la sfida con il Siena rappresenta un’occasione per prendere di nuovo il volo e continuare l’inseguimento al primato

di A.S. Bisceglia

Il Milan deve farsi perdonare l’ultima prestazione, che gli poteva costare più di quello che poi è accaduto. Se il risultato non è stato felice, il gioco lo è stato ancor meno. Per giunta, da Milanello sono arrivate anche notizie preoccupanti su Mario Yepes.   Per il difensore colombiano si profila uno stop di circa due mesi e mezzo. Nesta è out e quindi Massimiliano Allegri deve far di necessità virtù. Nonostante le parole di Adriano Galliani (“non esiste un problema Pato”), il “Papero” contro il Siena partirà dalla panchina. Usiamo l’indicativo, ma il condizionale è sempre alla portata. Gli sarà preferito Robinho, più pasticcione ma senz’altro congeniale ai movimenti che vuole il tecnico livornese. A centrocampo l’asse sarà formato da Aquilani, Van Bommel e Seedorf, con quest’ultimo che deve aumentare il suo raggio d’azione, qualora Boateng non riesca a produrre i suoi proverbiali inserimenti. La difesa è apparecchiata: Bonera prenderà il posto di Yepes, visto che Mexes appare ancora in ritardo. Dall’altra parte Giuseppe Sannino ha poche pretese, ma conoscendolo metterà in campo una formazione difensiva, grintosa con spirito di sacrificio. Il Siena arriva al Meazza come vittima sacrificale, è inutile nascondersi dietro a frasi fatte, questo, però, può essere l’unico ostacolo per i campioni d’Italia. Il tecnico dei toscani spera nella giornata di D’Agostino e Brienza: due giocatori con estro e fantasia, talento e visione di gioco, ma molto discontinui. Difficile pretendere aggressività da loro, ma da Gazzi e Mannini sì. L’ex centrocampista del Bari ha fondo, ardore agonistico da vendere e, ogni tanto, vede anche la porta. Il laterale di destra ha nella velocità, il fisico e nella corsa le sue armi migliori. In attacco il tecnico di Ottaviano ha buoni archi, ma le frecce non sempre vanno per il verso giusto. Destro-Calaiò è un buon tandem, ben assortito, ma lo vediamo un po’ in difficoltà contro una difesa ben organizzata come quella rossonera. A ogni buon conto, “la carta non conta nulla”, come ha ripetuto per anni il grande Boskov, perché è il campo che ha l’ultima parola. Sempre. Nella conseguenza delle parti, gli schemi sono leggermente diversi: il 4-3-1-2 di Allegri è sicuramente più offensivo del 4-4-2 di Sannino, se non altro anche per le caratteristiche diverse dei giocatori. La personalità del Milan è un fattore, la grinta del Siena è una necessità. Il fioretto con la clava. È l’unico modo per gli ospiti di cercare di ‘morire’ il più tardi possibile.


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.