Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
Milan Atletico Madrid "Arte" 8 2014
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

 

La moda nello zoom di Blumenfeld

Mostra del fotografo tedesco alla galleria Sozzani di Milano

Marby

Poliedrico personaggio, Erwin Blumenfeld, che con il suo tocco di creatività ha circumnavigato l’universo artistico del secolo scorso sperimentando qualsiasi tecnica che potesse dargli nuove idee e possibili trasformazioni: non solo un fotografo di moda, ma un artista a tutto tondo. La galleria Carla Sozzani ne celebra l’opera di una parte della sua vita, quella americana dove Erwin Blumenfeld visse dal 1941, a New York, dopo essere scappato dalla Francia in seguito alla proclamazione delle leggi razziali, poiché il fotografo, nato a Berlino nel 1897, era di origine ebrea. La mostra “Blumenfeld Studio - New York 1941-1960” si concentra sui lavori che realizza nel suo studio di Central Park durante la Seconda Guerra Mondiale e i successivi anni del boom economico. Dalla fotografia di moda alle campagne pubblicitarie, dai ritratti di personalità, ai manifesti della propaganda, fino ai lavori sperimentali che oggi sono stati riconosciuti come significativi e determinanti per lo sviluppo della fotografia contemporanea. Del resto Erwin Blumenfeld, non poteva che essere un grande sperimentatore, quando dalla Germania si trasferisce in Olanda e prende parte al dadaismo, il movimento artistico per eccellenza più rivoluzionario di quegli anni dal punto di vista ideale ed estetico. Il dadaismo, nato in Svizzera per opera del letterato e ideologo, T. Tzara, rappresenta per Erwin Blumenfeld il terreno ideale per le sue sperimentazioni artistiche e fotografiche. Sviluppa comunque uno stile proprio, utilizzando il fotomontaggio, la solarizzazione, le diapositive a colori e un’infinità di tecniche ibride e trae la sua ispirazione dalla conoscenza approfondita della storia dell’arte e della grafica . E’ a New York, però, che l’artista-fotografo diventa molto famoso. Inizia a lavorare per la rivista Harper’s Bazaar e collabora con Carmel Snow e Diana Vreeland alla realizzazione di servizi di moda per diventare dopo soli tre anni uno dei più famosi e ben pagati fotografi del settore. Ma la consacrazione del suo nome la deve alla collaborazione con la più prestigiosa rivista di moda al mondo, Vogue, con l’allora direttore Alexander Liberman, con cui inizia un idillio artistico e intellettuale, che durerà per quindici anni e che gli permetterà di realizzare ben oltre 50 copertine. Negli stessi anni lavora regolarmente con altre riviste americane come Life Magazine e Cosmopolitan per la quale ritrae Grace Kelly nel 1955 e in seguito realizza importanti campagne pubblicitarie per alcuni clienti, tra cui Dior, Elizabeth Arden, Max Factor, L'Oréal e Helena Rubenstein. Il New York Times  lo descriverà come "una guida eccezionale dell’immaginario fotografico”. 

GALLERIA CARLA SOZZANI MILANO

Dal 15 Febbraio 2014 al 30 Marzo

INFO+39 02 653531

E-MAIL:  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

SITO UFFICIALE: http://www.galleriacarlasozzani.org


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.