Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
Inter Cagliari "Arte" 9 2014
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

 

I misteri dell’Etna

D’Agostin racconta il vulcano in una mostra fotografica

Marby

Il percorso del fuoco è nel nostro immaginario probabilmente una discesa negli inferi , ma i filosofi greci distinsero la forza distruttiva, in Ade, e quella creativa in Efesto, dio del fuoco che attraverso questo elemento primordiale riusciva con grande creatività a forgiare il metallo. Il vulcano, metafora della discesa nelle profondità della terra dove il magma primordiale è il fuoco dell’energia libera e vitale, è celebrato nella mostra fotografica “Etna” di Renato ’Agostin,classe 1983, che vive da anni a New York dove produce e organizza libri fotografici e mostre. Il suo sguardo sul vulcano siciliano sembra narrarci un posto alieno, lunare, in cui ombre e figure si muovono lungo percorsi verticali tra fumi e nebbie d'atmosfera dantesca: figure abitanti un mondo magico e ancestrale come è il vulcano, dai mille rimandi simbolici. Le foto che sono tutte in bianco e nero, come scelta stilistica e di rigoroso impatto formale che D’Agostin stampa in camera oscura da pellicola, utilizzando ancora le tecniche più artigianali della fotografia, rappresentano un viaggio che il fotografo ha realizzato sull’Etna nel 2012 e di cui ci parla. “Ho trascorso ore camminando intorno a questo incredibile deserto nero, ho lavorato con la macchina fotografica sulla distanza e sull’estensione. Sono stato inoltre molto affascinato dall’esperienza visiva della materia. Ho ripreso i turisti che passeggiavano e si spostavano da una parte all’altra avvolti da fumi e nuvole, presenti e assenti allo stesso tempo come fossero esploratori in un pianeta remoto”. Oltreché la mostra, Renato D’Agostin presenta un libro fotografico sull’Etna composto da 23 fotografie in bianco e nero e corredato da un disco interno in cui sono incise in quattro, sei e otto voci i versi composti per l’occasione dal poeta padovano Luigi Cerantola, secondo una partitura che ricorda un canto antico e rituale in cui riecheggia il ribollire del magma pronto a sviscerare ed esplodere.

INFO: Galleria mc2

            Via Malaga 4 Milano

            Da martedì 18 febbraio fino al 20 marzo


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.