Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
Inter Torino "Intervista a Bruno Bolchi"
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

 

Bolchi: “Sarà la partita delle assenze”

Per il Maciste del calcio l’Inter deve dimenticare il passato

Emanuele Tramacere        1961, Benito e Giuseppe Panini hanno un sogno e decidono di realizzare il primo album di figurine dedicato ai calciatori. E’ l’inizio di un percorso che ha portato la Panini alla storia, così come alla storia è passata la sua prima figurina che rappresentava il capitano dell’Inter di allora: Bruno Bolchi. Soprannominato Maciste per la sua stazza e la sua forza in campo, Bolchi era un centrocampista roccioso e insuperabile che a Milano e nell’Inter ci è nato e cresciuto. Con i nerazzurri vince 1 campionato e 1 coppa dei campioni, ma il talento di Suarez e la classe di Armando Picchi non concedevano i giusti spazi per chi del pallone era innamorato. Verona, Atalanta e Pro Patria l’hanno accolto negli anni a venire, ma è il Torino il club con cui si rilancia, riuscendo a conquistare una Coppa Italia. Da allenatore ha guidato molte squadre di provincia prestando soprattutto alla crescita dei giovani. È lui, infatti, ad aver scoperto e coltivato numerosi talenti italiani, non ultimo quel Fabrizio Miccoli arrivato a toccare la gioia della Nazionale.

Da doppio ex, che partita si aspetta fra Inter e Torino?

Innanzitutto sarà una partita condizionata dalle assenze sia per l’Inter con Samuel e Juan Jesus, ma soprattutto per il Toro con Ventura che dovrà fare i salti mortali in difesa. Entrambe le squadre non stanno vivendo un momento particolarmente sereno. Nonostante questo, il Torino sta portando avanti un campionato di altissimo livello, mettendo in vetrina una coppia d’attacco strepitosa come quella formata da Cerci e Immobile. Il campionato dell’Inter, invece, è solido dal punto di vista dei risultati, seppur non eccelsi, ma comunque all’altezza delle aspettative. Io sono convinto che malgrado tutto quella di San Siro sarà una gara molto emozionante.

L’Inter afflitta da pareggite, a cosa è dovuto l’elevato numero di X in stagione?

Purtroppo l’Inter non ha mai avuto un vero e proprio equilibrio in entrambe le fasi di gioco e questo condiziona molto i risultati. C’è stato un periodo della stagione in cui Palacio segnava con regolarità e dava ampio respiro alla manovra offensiva, il problema era il fatto che l’Inter in contemporanea subiva molti gol. Ultimamente la squadra di Mazzarri ha trovato equilibrio difensivo però ha anche fatto grande fatica a segnare andando incontro a partite non entusiasmanti. Sono convinto che Mazzarri stia facendo un buon lavoro e le vittorie ricominceranno ad arrivare.

Nell’Inter mancheranno Samuel e Juan Jesus, quanto può pesare?

L’Inter aveva trovato un suo assetto difensivo ben preciso nelle ultime partite. La squadra sembrava più solida e compatta dando così possibilità ai centrocampisti di sganciarsi con più facilità. Sicuramente perdere questo equilibrio è una buona sfida per Mazzarri, però c’è da dire che i sostituti a disposizione dell’Inter sono diversi da quelli del Torino e Ranocchia e Campagnaro non sono così nettamente inferiori rispetto a Samuel e Juan Jesus da far temere i tifosi nerazzurri.

Anche Ventura è alle prese con il problema difensori…

La squalifica di Glik, Bovo e Maksimovic è un vero problema. Anche nella gara di andata la situazione del reparto arretrato era allo stesso modo complicata. Ventura dovrà ancora una volta adattare gli esterni come Darmian o anche un centrocampista centrale come Vives nel ruolo di difensore per arginare l’Inter.

Quale può essere la chiave tattica dell’incontro?

Credo che il Torino non possa permettersi di attaccare l’Inter in virtù degli stravolgimenti tattici che dovrà fare Ventura. Al contrario sono convinto che Mazzarri, dopo aver ritrovato Icardi e avendo a disposizione un folto numero di trequartisti che prima non aveva cercherà di fare la partita attaccando il Torino fin dall’inizio della manovra cercando di sbloccare la partita il prima possibile.

Ogni volta che la zona Europa si avvicina questo Torino non riesce mai a fare il passo decisivo. A cosa è dovuto?

No, credo che il Torino in questa stagione stia andando a prescindere al di là delle più rosee aspettative. Sta facendo un campionato strepitoso e anche se può essere arrivato qualche fallimento nel momento decisivo nel “salto in avanti” non bisogna dimenticare quanto di buono sia stato fatto. Rientra comunque in una grande stagione per il Torino. Non credo che possa inserirsi nei discorsi europei.

L’Inter a fine stagione lascerà partire 8 giocatori, fra cui i 4 argentini Zanetti, Milito, Samuel e Cambiasso. E’ la scelta più giusta? Chi meriterebbe il rinnovo?

Credo che giunti ad una situazione come quella dell’Inter bisogna avere il coraggio di chiudere un ciclo lasciarselo alle spalle e ricominciare da capo. Con tutta la gratitudine che possiamo avere per questi giocatori, arrivati a un certo momento bisogna avere la voglia e il coraggio di fare un cambiamento. Dispiace, emotivamente, perché sono ragazzi e professionisti seri, che hanno dato tanto, ma il passare del tempo è inesorabile per tutti, anche per loro.


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.