Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
Inter Torino "a saperlo...! di Severa Bisceglia"
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

 

MOGGI AMA L’INTER

Severa Bisceglia         

Difficile immaginare Moggi, giustizia sportiva permettendo, all’Inter. Eppure i nerazzurri sono costantemente nei pensieri dell’ex dirigente bianconero, ormai ex di tutto, almeno ufficialmente. Il suo hobby preferito è parlare della Beneamata. La scorsa settimana, intervenendo alla trasmissione radiofonica ‘la Zanzara’, ha commentato la stagione dei nerazzurri a digiuno di rigori a favore, unica squadra italiana: “Giovinco ha ragione quando dice che i perdenti parlano sempre di arbitri. La verità è che la Juventus sta dominando il Campionato e l’unica squadra che prova a inseguirla è la Roma. Thohir si lamenta delle decisioni arbitrali, ma non guarda come gioca la sua squadra, che non attacca e non va quasi mai nell’area di rigore avversaria…”  Chi disprezza compra. Costantemente nei suoi pensieri, è amore vero. L’Inter perdente si, anche il Torino è “perdente”, come il Milan, la Roma e la Fiorentina, tutto grazie alla classe arbitrale che non ha ancora smaltito le vecchie abitudini. La Juve, invece, gode ancora dei vecchi benefici anch’essi duri da smaltire. A differenza della Juventus, in realtà ve ne sono tante altre, l’Inter corre unicamente con le sue gambe e gioca sempre con undici uomini e, come se non bastasse, quando decide di vincere lo fa battendo ogni record, non si fa mancare un piccolo record neppure nelle sconfitte. Anche questo dei rigori negati è un record. E’ proprio amore. Viene da chiedersi come possa, proprio lui, Luciano Moggi, parlare di arbitri alla luce delle continue notizie che arrivano a confermare quanto già risaputo, e sono proprio gli uomini che hanno lavorato con lui a parlare, chi altri potrebbe conoscere i fatti così bene, come Maurizio Capobianco, ex dirigente della Juventus: -… Solo agli inizi del 2005 sono venuto a conoscenza di almeno quattro casi in cui la Juve ha fatto arrivare beni di ingente valore a due arbitri italiani, a un esponente della Figc, e a uno della Covisoc.  Beni facilmente monetizzabili dal valore di 20-25 milioni di lire che venivano consegnati per il tramite di società terze a soggetti terzi per ogni “gratificazione”. Terzi legati agli arbitri da rapporti di parentela. L’arbitro Pairetto era di casa alla Juve -. L’ex dirigente bianconero chiarisce anche i rapporti tra la società zebrata e la Semana srl - (in quota al 30% Juve e 70% di una ragnatela di fiduciarie che portano a Giraudo), società voluta da Giraudo ed attraverso la quale, con Moggi, finanziavano le curve-. Capobianco va avanti tutta: - Moggi e Giraudo in Figc facevano quello che volevano. Io rimasi molto colpito da come ne ’97 venne coperto un caso di positività alla cannabis di un giocatore. Lo scoprì l’UEFA. Lo comunicò alla Figc e finì tutto lì-. Meditate gente, meditate.


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.