Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
Milan Parma "Taca la bala"
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

 

TACA LA BALA

Aldo Colombo

Pensate se giocherà bene il Milan e male il Parma! Una bestemmia, vero? Purtroppo sì, viste le ultime performance dei rossoneri e dei bianco scudati. Che brutto Milan martedì, né carne né pesce, come si suol dire, che l’impresa fosse ai limiti dell’impossibile era chiaro a tutti, ma se in campo il più reattivo e grintoso è uno tranquillo e soft come Kakà allora i conti non tornano. In parecchi sottolineano che il livello tecnico della squadra è quello di un modesto centro classifica in serie A e svanito l’effetto sorpresa dei marocchini anche l’entusiasmo è sceso ai minimi storici. Ora a San Siro arriva la squadra del momento, fatta a misura e somiglianza di un allenatore che strilla solo quando gli pestano, e con forza, entrambi i piedi. Che  bell’esempio di uomo di sport, Roberto Donadoni, il prototipo dell’uomo Milan con tutti i pregi e pochi difetti: non urla, non è mai sopra le righe, la sua dimensione giusta infatti è la provincia, con la cultura, le cose buone da mangiare e una vita senza stress. Parma è il suo habitat e difatti non ha avuto successo in dimensioni più complicate quali il Napoli e la Nazionale, nella quale per altro, è stato parecchio sfortunato. E non gli hanno lasciato il tempo di incidere veramente sul tessuto azzurro, complice anche tanta sfortuna. Logico pensare che a San Siro vorrà far vedere di che pasta è fatto il suo Parma, una squadra che sembra giocare a memoria, con automatismi perfetti a centrocampo e un attacco mostruosamente estroso com’è giusto che sia. A leggere i tre nomi, Amauri, Cassano e Palladino uno dice…sì, alla Baggina! E invece no, i tre sembrano i giustizieri dei film western di Sergio Leone e non sparano mai a salve o sbagliano bersaglio. Roberto li alterna, con la sua voce sussurrata, e i tre sono sempre sul pezzo, anche partendo dalla panchina: hanno classe, sicura, e anche Palladino, il meno famoso dei tre, ha nel bagaglio una buona dote tecnica. Di Cassano è quasi inutile parlare, ed attenti perché è anche un ex, magari col dente non troppo avvelenato: è uno degli ultimi inventori del nostro calcio e con la difesa modello bradipo del Milan potrebbe andare a nozze. Anche Amauri quanto a movimento non è più un leopardo ma conosce a memoria la strada per arrivare al gol, per piazzare la zampata quantomeno te l’aspetti. C’è quindi un attacco da non sottovalutare affatto, soprattutto se il centrocampo saprà rifornirlo a dovere. Anche la difesa del Parma non è male, Mirante è un portiere per ora sottostimato che è passato anche dalla Nazionale ed avrebbe tutte le carte in regola per ritornarci. In due parole, se pensa ancora all’azzurro uno come Marchetti non può farlo, a maggior diritto, uno come Mirante?  Insomma, un Parma muy muy pericoloso, soprattutto se il Milan non si darà una svegliata. Ma come farà maestro Clarence a motivare i suoi ragazzi? Se non c’è riuscito un decisivo ottavo di Champions  a Madrid, ce la può fare un insignificante impegno casalingo colo Parma. Proprio questo, tecnica ed agonismo a parte, è il vero punto interrogativo di tutta la vicenda che ruota intorno al match di San Siro. Poi, per carità, può anche succedere che il dio del pallone svegli per novanta minuti i dioscuri rossoneri, che Robinho la smetta di sembrare un pensionato passeggiante sul tappeto verde, che le palle inattive non diventino più un incubo peggio di Dario Argento, che il ticchete e tocchete di centrocampo acquisti letale profondità ma, a questo punto della stagione, sembrerebbe proprio di assistere ad un miracolo. Ed allora il grande Clarence ha già fallito, è già tempo di recriminazioni? No, non è giusto dire e pensare così: di calcio, calcio totale, il ragazzo se ne intende, e quindi ancora un po’ di tempo please. Poi , dalla sua, ha tre carte fondamentali: piace ai tifosi, piace ai giocatori, piace alla dirigenza: insomma, piace alla gente che piace. Seedorf, il futuro, se lo gioca in questi termini.


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.