Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
Inter Udinese "Arte" 14 2014
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

 

Giambellino a Brera

La Pietà di Bellinie e la pittura devozionale umanistica

Marby

Il 9 aprile s’inaugura alla Pinacoteca di Brera, la mostra dedicata a Giovanni Bellini e alla pittura devozionale umanistica, nell’opera restaurata della Pietà, che il celebre artista veneziano dipinse tra il 1467-1470. L’opera è un dipinto a tempera  su tavola conservato nella Pinacoteca di Brera dal 1811 e donato dal viceré del Regno d’Italia, Eugenio di Beahanais. Giovanni Bellini nasce a Venezia 1430, noto anche con il nome di Giambellino, è uno dei principali innovatori della pittura veneziana, introducendo nell’ambiente lagunare le novità dell’arte rinascimentale. Figlio del pittore Jacopo, costituisce, insieme al fratello Gentile, la più importante famiglia di pittori di Venezia, tra l’altro imparentata anche con Andrea Mantegna che sposò una sorella di Giovanni Bellini. L’artista, protagonista dell’arte rinascimentale, trae le tre fondamentali regole pittoriche del linguaggio quattrocentesco: circoscrizione, componimento e ricevimento dei lumi che in italiano moderno volevano dire prospettiva, composizione e colore che l’architetto e intellettuale Leon Battista Alberti, aveva delineato nei suoi trattati, De pictura, De Statua ed De re edificatoria. Bellini se ne appropria e aggiunge allo sguardo prospettico del paesaggio retrostante, la sua particolare propensione alla rappresentazione della dolente umanità dei protagonisti, secondo uno stile che divenne poi una delle caratteristiche più tipiche della sua arte.  La sezione centrale della mostra presenta la straordinaria Pietà resa leggibile anche nei suoi valori cromatici, dopo il complesso restauro. Nella tavola campeggiano i volumi statuari delle figure isolate contro il cielo chiaro che amplificano il dramma, che si condensa nel muto dialogo tra madre e figlio, mentre lo sguardo di San Giovanni tradisce un composto sgomento. Lo scambio di emozioni si riflette poi nel sapiente gioco delle mani, con un senso di dolore e amarezza. Al centro della rappresentazione proprio sotto la figura di Cristo vi è l’iscrizione sul cartiglio della balaustra marmorea, che riprende un verso delle Elegie del poeta latino Properzio e con la quale il pittore si firma. Nella mostra sono esposte intorno al nucleo centrale rappresentato dalla Pietà, la Pietà del Museo Civico di Rimini e quella della Pala di Pesaro ora conservata ai musei vaticani che furono entrambe un punto di riferimento iconografico per molta pittura del tempo non solo veneziana. La rassegna si completa con la Madonna del magistrato da Mar, sempre dell’artista che fonde in un unico dipinto il tema della Madonna e quello della Pieta’. La mostra a cura di Sandrina Bandera, Matteo Ceriana, Keith Christiansen, Emanuela Daffra, Andrea de Marchi e Mariolina Olivari, presenta un catalogo, edito da Skira, con saggi di Marco Collareta, Andrea De marchi e Mariolina Olivari, con alcune novità sulla storia della Pietà braidense di Giovanni Bellini, alla quale è dedicata una sezione sul restauro.

INFO:

PINACOTECA DI BRERA Milano

Dal 9 aprile al 13 luglio 2014

Sale II, III,I V, V

Orari: 8.30 - 19.15 da martedì a domenica

Prenotazioni: www.pinacotecabrera.net

Tel.02.92800361


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.