Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
Milan Chievo 15 2014 "gli Ospiti"
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

 

La donzelletta che vien dalla campagna

Giovanni Labanca

I Romani lo hanno chiamato “Clivius mantici!, la collina del buon bosco mistico, per la posizione assolutamente  strategica come osservatorio militare. Questo è Chievo come allora, villaggio non fagocitato dalla vicina Verona, da cui tiene ben salde le distanze e ne rivendica la continua autonomia, nonostante le pressioni scaligere di allargare anche alla frazione il suo dominus. Conta, si potrebbe dire, più campane ben 9 in un sol campanile che abitanti, tremila, in tutto, oltre ad una ben famosa scuola di Musica per campanari. A parte i Romani e gli altri illustri ospiti che vi hanno soggiornato, compreso il terribile Federico Barbarossa, di questo soave lembo di  buona terra del circondario scaligero pochi ne avevano conoscenza, fino a quando, nel 1929 venne approntata la prima squadra di calcio , arruolando baldi giovani dal ceppo rigorosamente di Chievo, squadra rifondata dopo il periodo bellico nel 1948. Questa simpatica compagine, passo dopo passo e senza preoccupazione superflua, risale tutti i gradini delle varie categorie fono a sbarcare, con tutto lo scampanio delle nove campane,  sul tetto della serie A, grazie all’opera incredibilmente meritoria di un misterino sconosciuto che risponde a  Gigi Del Neri.Nasce, dunque, il mito di questo borgo, stona chiamarlo frazione, che, con orgogliosa determinazione, cresce come avversario temibile  sul campo e ben presto soppianta  l’Hellas che finisce la sua gloria nel pozzo senza fine della serie B. Arriva, addirittura, ai preliminari di  Coppa dei Campioni e Coppa UEFA, per la gioia immensa del presidente  Luca Campedelli. Questo giovane ed entusiasta imprenditore del Pandoro, assicurata una gestione economica sana e virtuosa, mette i suoi pupilli nella “ dolce” condizione di giocare sempre con tranquillità, alla pari degli altri, con l’arma del bel gioco che, un maestro pasticciere come il Gigino Del Neri sa conferire ai suoi uomini. Squadra serena è sinonimo si quadra tosta. Tosta come quella di questo pomeriggio a San Siro che, come una semplice donzelletta che vien dalla campagna, non per niente svampita, si presenta al cospetto  regale di un Diavolo infuriato, ma dal ventre molle per non essere affrontato e bucato. La donzella, infatti, come solida e fresca espressione di un territorio dove le polemiche non sono di casa e dove la passione e la gioia per il bel gioco rappresentato i segreti di un successo inaspettato, non dà dimostrazione di essere l’agnello sacrificale per squadre in crisi. Si presenta  il Chievo alla Scala del calcio, sempre in attesa di bravi maestri suonatori, con bei punti in classifica, ma anche con brutte prestazioni nelle due ultime giocate di campionato e non debbono essere troppo sicuri nell’affrontare il Diavolo ,che sempre tale rimane , anche va raccogliendo magre figuracce di qua e di là. La missione, come direbbe subito qualcuno, sembra, anzi, pare impossibile, ma si gioca per questo, per vedere cosa succede , Se no, che gusto ci sarebbe? Vero, donzelletta sempiterna che vieni dalla campagna?


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.