Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
Milan Chievo 15 2014 "Taca la Bala"
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

 

TACA LA BALA

Aldo Colombo

E così Lazzaro Seedorf è resuscitato anche lui e non si è gettato nell’Arno: in qualche angolo di qualche vangelo apocrifo stava scritto che all’improvviso… Mexes sarebbe diventato un goleador, che Balo sarebbe tornato il valore aggiunto della squadra e non di Facebook, che Honda non sarebbe più stato il bello addormentato nel bosco. Magie di un mercoledì night nel quale il Milan è sembrato finalmente UNA SQUADRA. Concetto banalissimo, direte voi, e invece fondamentale per una banda di calciatori che sembrava letteralmente allo sbaraglio e timorosa del nulla. In tutto ciò però, la complicità dei gigliati è sembrata quantomeno evidente: mamma mia che disastro questa Fiorentina d’inizio primavera: vuota, completamente vuota, priva di fisico e di idee, complici infortuni che avrebbero steso un toro. Out Gomez e out Pepito Rossi, ecco Matri al centro dell’attacco ed è stato un disastro, come se il centravanti non ci fosse oppure sbagliasse tutto quello che era lecito sbagliare. Dal centrocampo non è arrivata nessuna idea e così Abbiati è rimasto letteralmente in ferie. Il Milan comunque ha giocato, e questa è una notizia che farà piacere, magari non a Galliani che punta al risultato, ma al Presidentissimo sì: la quadratura del cerchio l’ha mostrata un modesto portatore d’acqua quale Muntari che invece, come spesso accade, si è mostrato utilissimo e ha garantito fisicità e verticalizzazioni, lasciando Honda e Taarabt ad occuparsi della fase di non possesso palla in modo equilibrato. Inoltre, tutti hanno lottato per tutti e per Clarence che, a detta di molti, non aveva la squadra in pugno. Invece, almeno così sembra, nessuno ha voltato le spalle al trainer che si ritrova un filo più forte di prima. Ora, naturalmente, si tratta di proseguire il discorso e di non interromperlo più visto che alla fine del campionato non manca un’eternità e un eventuale passo falso non sarebbe giustamente più perdonato. Primo ostacolo il Chievo che, guarda caso, sembrava morto anche lui ed invece è resuscitato lui pure. Oddio, lo stesso discorso del Milan vale per i veronesi e cioè l’ostacolo Bologna si è rivelato molle più o meno quanto la Fiorentina. Spesso e volentieri però i ragazzi di Corini giocano meglio in trasferta e questo è un elemento da non sottovalutare: la caratura tecnica non è di quelle da disprezzare e Paloschi è un ex col dente più che avvelenato. II giovane centravanti segna con una certa continuità, e al contrario di Matri per esempio, il fiuto del gol in questo momento è quotato a livello altissimo. Occhio quindi, perché un attacco molto abile nelle ripartenze potrebbe far male ad una difesa che deve ancora dimostrare di aver ottimizzato una sicurezza che ancora oggi si vede a sprazzi. Logico che il Milan del Prof. non debba aver paura di questo Chievo ma anche sottovalutarlo troppo sarebbe un errore: non bisogna sprecare il tesoretto positivo delle due trasferte con Lazio e Fiorentina, tesoretto fatto di un’autostima che finalmente è a freccia in su. Quella dell’allenatore, invece, sembra a freccia in giù. Ed è un fattore positivo anche questo, credetemi…


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.