Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
Milan Livorno 18 2014 "Giù al Nord"
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

 

Ciao Peppe, vai ad insegnare calcio in Paradiso

Fiore Marro

Domenica 13 aprile 2014 ho seguito  via Tv la partita dell’incontro allo stadio San Paolo  tra il Napoli e la Lazio di Edy Reja, a mio sommesso avviso il migliore dei mister durante la gestione di De Laurentiis . Tra le tante belle cose che ho avuto modo di vedere e godere nella partita in questione,  vale la pena  sottolineare  il  gesto del calciatore del Napoli Gonzalo Higuain subito dopo il gol su rigore. El Pipita infatti dopo aver segnato il penalty del  2-1 contro i biancocelesti capitolini, ha mostrato una maglia con la foto di Giuseppe Feola, il ragazzo 24enne di San Marco Evangelista, calciatore del Real San Felice a Cancello, morto il 10 aprile a seguito di un terribile incidente stradale. Tutto il San Paolo ha voluto salutare il giovane calciatore, accompagnando con un applauso convinto il gesto dell'attaccante azzurro.  Un campione lo vedi dal coraggio, dall’ altruismo e dalla fantasia diceva De Gregori, dopo il gesto di Higuain aggiungerei anche: dalla sensibilità di uomo vero. Il giovane talento casertano è salito al cielo dove incontrerà tra l’altro tanti campioni come lui che hanno avuto la sventura e la sfortuna di trovarsi nel posto sbagliato nel momento sbagliato, come accadde per esempio a  Gaetano Scirea a Babsk, in Polonia, il 3 settembre del 1989, dove si trovava per visionare una partita dei prossimi avversari in coppa Uefa della Juventus, l’allenatore in  seconda dei bianconeri, perse la vita in auto lasciando uno dei più grandi vuoti nella storia del calcio italiano. Campione di correttezza, mai un espulsione in 16 anni di onorata carriera, Scirea si laureò campione del mondo con l'Italia nel 1982 e vinse molti  trofei  sia in campo nazionale che internazionale, tra i quali anche quello della  tragica notte dell'Heysel  nel 1985. « Era un simbolo di estri bizzarri e libertà sociali in un paese di quasi tutti conformisti sornioni » dichiarò Gianni Brera quando gli chiesero di Gigi Meroni. Davanti al bar Zambon in corso Re Umberto c'è un cippo sempre carico di fiori. E tra i gladioli spunta la foto di Gigi Meroni, stroncato da un auto in corsa, quella drammatica notte del 15 ottobre 1967 . “Vengono tante signore a lasciargli garofani rossi sul cippo che è davanti al nostro bar». La signora  Zambon è stata l'ultima a vedere Meroni  da vivo. Abitava lì davanti, al civico 53. Dopo la partita con la Sampdoria avevano cenato tutti assieme nella sede di corso Vittorio Emanuele, poi l'allenatore Edmondo Fabbri li aveva lasciati in libertà. Quando fu investito con lui c'era il terzino Fabrizio Poletti. Era buio, una macchina li investì entrambi. Poletti se la cavò con una gamba ingessata,  il povero Meroni morì sul colpo. Ancora più tragica ed angosciante fu la dipartita di Renato Curi, sul campo di gioco Domenica 30 ottobre 1977. A Perugia, nello stadio di Pian di Massiano . Tutto avvenne nella ripresa, infatti dopo cinque minuti, sotto la pioggia, il regista umbro si accascia improvvisamente al suolo. Quando arriva la barella, il giocatore esanime viene portato fuori dal campo. I medici del Perugia gli praticano due iniezioni, il massaggio cardiaco, la respirazione bocca a bocca: Curi è paonazzo, il battito del cuore è inceppato, alle 16,30 (in lugubre, perfetta contemporaneità con la fine della partita fischiata dall'arbitro Menegali) il giocatore viene dichiarato ufficialmente morto. Una fine terribile per la sua fulmineità. Qualche anno dopo, il 14 aprile 2012 , sul campo del Pescara si consumava un dramma tragicamente simile che vide spirare il giovane Piermario Morosini.  Sarà in ottima compagnia per quel che riguarda il calcio, il mio giovane sventurato conterraneo. Un mio allievo ha scritto sulla sua pagina FB: Ciao Peppe, vai ad insegnare calcio in Paradiso. Un saluto a Giuseppe Feola  che ora fa parte della «squadra dei cieli». Un angelo che gioca al pallone in un prato infinito trapuntato di stelle.


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.