Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
L'On. nel pallone 8 2012
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

L’Onorevole nel Pallone

di Lara Comi

 

 Cari amici milanisti,

questa settimana ho intervistato due colleghi al Parlamento europeo di fedi calcistiche e appartenenze politiche opposte, Salvatore Iacolino (Pdl), milanista, e Francesco De Angelis (Pd), juventino. Salvatore Iacolino, siciliano, avvocato, è vicepresidente della Commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni e Responsabile Pdl in Europa dei rapporti con il Parlamento Nazionale. Francesco De Angelis, ciociaro, è tra l’altro membro della Commissione per l'industria, la ricerca e l'energia e segue da tempo le problematiche delle piccole e medie imprese. Alle elezioni regionali del 2005 è stato il primo degli eletti del centrosinistra nel Lazio con circa 24 mila preferenze.

 

Le interviste di Lara Comi: Salvatore Iacolino

  Milan abituato a dominare il campionato ma i bianconeri sono quadrati

Stadi da modernizzare: non rispondono più alle esigenze del tifoso

1 Milan-Juve ovvero una classica. Per Sacchi i rossoneri vantano più solisti mentre i bianconeri sarebbero più sinfonici.

«Io ritengo che il Milan abbia un giocatore straordinario, che è Ibrahimovic, altri ottimi giocatori e sia abituato a guidare il campionato. La Juve è una squadra quadrata, che ha grinta e una buona organizzazione complessiva. Trovo l'accostamento musicale che fa Sacchi piuttosto coerente con le caratteristiche delle due squadre».

2 La partitissima si gioca dopo la settimana più fredda degli ultimi 27 anni. Ma non sarebbe meglio uno stop più lungo del campionato nel periodo invernale?

 

«La tradizione calcistica in Italia non prevede soste così lunghe. Forse basterebbe giocare nel pomeriggio. Altra cosa è la modernizzazione degli stadi che non appaiono più rispondenti alle crescenti esigenze del tifoso».

3 Milan e Juve sono tornate “padrone” del calcio italiano dopo il lungo Inter…mezzo

«Si tratta di due società che hanno fatto la storia del calcio internazionale e che rappresentano quest’anno il miglior calcio giocato in Italia».

4 I milanisti aspettavano un colpo da sogno e sono arrivati Maxi Lopez e Muntari. Bastano?

«Non sono proprio colpi da sogno. Tuttavia sono due buoni giocatori che sapranno rendersi utili alla squadra».

5 Le società setacciano i mercati del mondo per trovare i campioni poi il Milan scopre in Nocerino un goleador. Ma non dovremmo coltivare meglio il made in Italy?

«Sicuramente. È pure vero che Nocerino, che si è rivelato un ottimo acquisto, difficilmente il prossimo anno farà sette gol».

 

 

 

   Le interviste di Lara Comi: Francesco De Angelis

  Juve come Davide, più forte di Golia Ibrahimovic

Contro il gelo campionato da metà agosto come si fa in Europa

1 Milan-Juve, una classica. Per Sacchi i rossoneri vantano più solisti mentre i bianconeri sarebbero più sinfonici.

«Ha ragione Sacchi, più solisti per il Milan ma più squadra la Juve. Una squadra solida e robusta che gioca un calcio aggressivo, veloce e divertente. Ci manca un campione ma a questo penseremo il prossimo anno per ora va bene cosi: vince e convince».

2 La partitissima si gioca dopo la settimana più fredda degli ultimi 27 anni. Ma non sarebbe meglio uno stop più lungo del campionato nel periodo invernale?

«Forse la soluzione sarebbe iniziare a metà agosto come fanno in altri Paesi europei. Comunque il problema principale restano gli stadi troppo vecchi per garantire lo svolgimento della partita e la sicurezza dei tifosi. Il nuovo stadio della Juve deve essere un modello per tutti».

3 Milan e Juve sono tornate "padrone" del calcio italiano dopo il lungo Inter…mezzo?

«Sì, è tornata la grande sfida tra le due squadre che hanno vinto di più in Italia e in Europa e questo fa bene al calcio italiano. Sarà una sfida lunga e affascinante e alla fine, come diceva il grande Rocco: ‘Che vinca il migliore, speriamo di no».

4 Conte si schermisce, dà i rossoneri favoriti nella corsa al titolo e paragona Ibra a Gulliver, un gigante. Pretattica?

«Bravo Conte, sempre con i piedi per terra anche quando la squadra vola. Ibra è un gigante, un grandissimo giocatore ma Davide questa volta è più grande di Golia».

5 Sembra che la nuova Juventus abbia ereditato il carattere del suo allenatore, uno che non molla mai e vuole sempre vincere. E a San Siro avrà il supporto dei tanti tifosi juventini di Milano e della Lombardia.

«Conte è quello che ci voleva per la Juve. Uno juventino doc, il pontefice della chiesa juventina, che ha saputo trasmettere alla squadra grinta, carattere e personalità. Ora con il Milan ce la giochiamo alla pari e San Siro per la Juve è uno stadio amico con tanti tifosi pronti a incitarla dall'inizio alla fine della partita. E per finire, sempre forza Juve».


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.