Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
Editoriale 16 2012
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

L’Editoriale

di Beppe Vigani

  “Cogito ergo sum”, recitava Cartesio. Lo avrà detto anche Claudio Ranieri al termine di Inter-Marsiglia? Il tecnico nerazzurro che cosa avrà pensato dopo il gol di Brandao? In quel preciso istante avrebbe voluto scomparire, diciamo noi, altro che riflettere sulla certezza indubitabile della propria esistenza. Sarebbe troppo semplice sparare sulla Croce Rossa. E dove tutto è semplice bisogna stare in guardia. Alda Merini sosteneva che “La semplicità a volte è il sintomo di un’interna avarizia”. Un aforisma che ha un vero fondo di verità, secondo il mio modo di vedere la realtà delle cose. Analizzando la faccenda è giusto dire che il cammino dell’Inter fino a marzo è stimabile in fallimentare. Riuscisse a raggiungere il terzo posto in campionato, le quotazioni salirebbero a insufficiente. Non è certo un modo per farsi perdonare, ma partecipare alla prossima edizione di Champions League permetterebbe di risvegliarsi dagli incubi che sta regalando questa stagione. Mezzo bicchiere pieno, di ricino, ma pieno. Meglio di niente. Dovesse andare male, c’è l’Europa League, andasse peggio, c’è il buio più assoluto, oltre al danno economico non indifferente. Ricostruire è il verbo da utilizzare. Ora o mai più. In questi ultimi due mesi, che rimangono alla fine dei giochi, Massimo Moratti dovrà cominciare a porre le basi per l’avvenire, se non vorrà partire ancora senza frizione, come quest’anno. Largo ai giovani, gestire i senatori e avvalersi di un tecnico, che faccia il tecnico e che non occupi meramente un posto per far parte dei quadri societari e basta. Non so quanta colpa abbia la dirigenza, ma di solito quando le cose vanno male è quella che ne risponde. Non do consigli, perché fare il giornalista e il manager con uno stipendio solo è da fessi, quindi mi limito a sollevare la questione. I tifosi al termine del match con il Marsiglia hanno applaudito i nerazzurri, ma sembrava più un appello per un saluto di giubilo immediato. Ripartire senza stupire, ricominciare per dimenticare. “Per vivere con onore bisogna struggersi, turbarsi, battersi, sbagliare, ricominciare da capo e buttare via tutto, e di nuovo ricominciare e lottare e perdere eternamente”. Lev Tolstoj la vedeva così.


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.