Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
Hockey su ghiaccio
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Hockey su ghiaccio

Terrazzano, il custode delle vittorie del Milano

La squadra di Da Rin, alla terza vittoria consecutiva, è ora seconda in classifica grazie alle prodezze del suo portiere

di Debora Cheli

Pasquale Terrazzano è il nuovo goalie del Milano Rossoblu. Svizzero, ma di padre italiano (Benevento), ha preso il posto di Della Bella e si è già fatto notare per alcune parate strepitose. Qualche ingenuità, ma nel match vinto 3-2 col Bozen 84 ha salvato il risultato con un paio di prodigi. Venidue anni, giovanili nel Lugano, un anno nella USHL ai Columbus New Jackets negli Stati Uniti e poi quattro anni ancora a Lugano, come portiere di riserva.

Come si trova a Milano Pasquale?

“Bene, davvero. La città mi piace, la gente, i miei compagni e poi i tifosi. Fanno un baccano d’inferno. È meraviglioso giocare in casa con un calore così. Non mi era mai capitato”.

Dopo Mike Zanier, nessun portiere ha mai avuto il gioco di stecca. Tu hai rinverdito una tradizione che sembrava dimenticata. Chi le ha insegnato a usare il bastone in quel modo?

“Devo dire che dai tre ai sei anni giocavo fuori. È vero, ero bimbo, credo però che qualcosa ho imparato in quel periodo. Poi ho avuto la fortuna di avere Dusan Vitor, un allenatore delle giovanili del Lugano, che mi ha insegnato di giocare con intelligenza e mi ha stimolato a usare il bastone. Certo, giocare con il bastone, per un portiere non è semplice: ci sei solo tu, se sbagli è un gol sicuro per gli avversari. Per questo bisogna essere sicuri al mille per mille”.

Cos’è cambiato per lei giocare da titolare, dopo quattro anni di back-up a Lugano?

“È tutto molto diverso. Da titolare devi essere concentrato per sessanta minuti, devi avere l’adrenalina a mille. Ci vuole qualche partita, non sono mai stato abituato. Devi essere sempre pronto. Un bel salto, che aspettavo da tanto tempo”.

Oggi ha subìto i primi due gol in casa, dopo due shutout consecutivi. Sul primo non è sembrato inappuntabile. È d’accordo?

“Peccato, ma sono stato preso in controtempo. L’attaccante è stato bravo: l’ho guardato negli occhi e lui ha mirato il mio palo e invece ha centrato quello lungo. Una specie di no-look che mi ha lasciato di sasso”.

La prossima partita è contro l’Appiano, un osso duro. Ha imparato a conoscere il campionato di A2?

“Devo essere sincero, non conosco nulla delle squadre di questo campionato. Mi sono sempre interessato al mio, in Svizzera, quest’anno per me è il primo anno nel Milano. Speriamo di lasciare il segno”.

Com’è Da Rin?

“Straordinario (gli brillano gli occhi, ndr), è preparato. Ha un feeling particolare con i giovani. È stato un piacevole incontro, meglio di così non potevo sperare”.

Benvenuto… “O paisà”.


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.