Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
L'Onorevole nel Pallone 21 2012
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Stramaccioni bel segnale al mondo dello sport

 Il calcio va sottoposto a una gestione virtuosa: servono una riforma fiscale, impianti moderni e tetto agli ingaggi. Terzo posto? L’Inter ha il dovere di crederci

 di Lara Comi

Stramaccioni, 36 anni, nuovo allenatore dell’Inter, è l’uomo del momento. C’è chi lo vede come un simbolo meritocratico e un motivo di speranza in più per quei giovani che accusano l’Italia di essere un Paese per vecchi. Vero o falso?

“Certamente in un mondo del tutto particolare diviso per comparti come quello del calcio italiano, l’incarico a Stramaccioni è un bel segnale a tutto il mondo dello sport. Più in generale credo non siano sufficienti le credenziali anagrafiche, occorre dimostrare passione, voglia di imparare e di crescere professionalmente, e un po’ di umiltà. Caratteristiche che vedo nel nuovo giovane allenatore dell’Inter e che anche la politica dovrebbe avere sempre presenti”.

A sorpresa il presidente Moratti ha usato parole molto dure contro Gasperini. È lui la causa prima della cattiva stagione nerazzurra o è solo un capro espiatorio, di chi sono le responsabilità?

“Personalmente non ho mai condiviso, fin dall’inizio, la scelta di Gasperini. Troppo distante dal mondo Inter, con un’idea di calcio che non poteva trovare applicazione con giocatori abituati da anni a un diverso gioco, a una diversa impostazione tattica. Certo poi non si può addossare solo a Gasperini ogni colpa. Non possiamo sottacere due anni di mercato non propriamente di ‘primo piano’, che non significa investire quantità infinite di risorse, significa scelte oculate e tecnicamente valide. Il colpo finale credo sia stata la cessione di un giocatore come Eto’o che lo scorso anno ha dato un contributo straordinario, facendo vincere tantissime partite tanto da arrivare secondi in campionato, vincere il mondiale per club e la finale di Coppa Italia”.

Sulla carta l’ostacolo Siena sembra alla portata. Ma l’Inter può ancora aspirare al terzo posto? Immaginabile pensare a una Champions League senza la presenza dei nerazzurri?

“Finché la matematica non dice diversamente la squadra e la dirigenza, e noi tifosi, abbiamo il dovere e l’obbligo di crederci e di fare il possibile per raggiungere questo obiettivo. Certo, sarebbe una Champions più ‘povera’ senza la società che solo due anni fa ha raggiunto tutti e tre i traguardi più importanti”.

Spuntano nuovi inquietanti sviluppi dal filone calcioscommesse. Intanto, secondo l’ultimo report, l'indebitamento complessivo della Serie A nel 2010-2011 è salito a 2,6 miliardi di euro e solo 19 club su 107 hanno riportato un utile. Cosa bisognerebbe fare per migliorare la gestione e l’immagine del calcio?

“Certo non sono bei segnali. La vicenda del calcioscommesse è veramente odiosa. Lo sport deve essere sempre vissuto per i suoi principi sani, per la voglia di vincere, in modo pulito e trasparente, per i meriti sul campo. L’altro aspetto su cui è necessario porre l’attenzione è la gestione delle società calcistiche. Si deve pensare a una gestione virtuosa del sistema calcio: da una nuova normativa di legge alla riforma fiscale, dalla realizzazione d’impianti moderni e ospitali a una valutazione relativa agli ingaggi. In questo senso, il ‘fair play’ finanziario lanciato da Platini, se davvero applicato, potrebbe essere un bel deterrente e un buon aiuto per riportare il fantastico mondo del calcio a una dimensione più consona ai tempi che viviamo”.

Si avvicina il 6 maggio, giorno del derby. Un crocevia importante anche sul fronte politico, visto che in quella data cadono le elezioni amministrative. Scambierebbe un buon successo del Pdl per una sconfitta dei nerazzurri?

“Molti degli elettori del Pdl sono interisti e il Presidente Berlusconi ne è pienamente consapevole, al punto tale che è sempre stato fra i primi a complimentarsi per le vittorie dell’Inter. I tifosi del Milan per il campionato della loro squadra del cuore credo siano già sufficientemente euforici e quindi, se elettori del Pdl, potranno riservare il loro entusiasmo anche in campagna elettorale. Abbiamo invece bisogno di dare un’iniezione di energia ai tifosi interisti., quindi per il derby solo un motto: Forza Inter!”.


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.