Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
Teatro 27 2012
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

 

Zuzzurro e Gaspare ne “La cena dei cretini”

di Alessia Scurati

 Vedere all’opera su un palcoscenico un duo comico che lavora in armonia da 35 anni è ormai quasi una rarità. Zuzzurro e Gaspare, però, continuano a stupire per affiatamento ed equilibrio nelle loro performance. Quando si mettono in gioco con un testo che è già di per sé un gioiellino della drammaturgia comica contemporanea, allora tutto diventa ancor più divertente ed esatto, al limite della perfezione.

Nino Formicola e Andrea Brambilla (questi i nomi dei due attori all’anagrafe) tornano in scena al Teatro Manzoni con “La cena dei cretini”, uno spettacolo brillante e ironico che è ormai diventato un cult sia nei teatri sia al cinema, grazie alle diverse trasposizioni che ne sono state tratte.  

“La cena dei cretini” è, nella trama della commedia, una tradizione per un gruppo di amici, stanchi e annoiati, che ogni mercoledì si riuniscono portando con sé un personaggio giudicato stupido, il quale sarà lo zimbello della compagnia per tutta la serata. L’editore Pierre Brochant decide, così, di invitare un mercoledì alla cena François Pignon, un grigio contabile che ha per hobby la costruzione di modellini fatti con i fiammiferi. Pierre invita a casa sua François per un aperitivo prima della cena, ma dal momento in cui “il cretino” metterà piede nella casa del nostro anfitrione, una serie di imprevisti comici, grotteschi e decisamente inusuali faranno sì che i due si ritrovino a dover fronteggiare una serie di equivoci e colpi di scena che rischiano di mandare a gambe all’aria tutta la vita felice e ordinata del povero Pierre.

François, infatti, pur con le migliori intenzioni, ribalterà la situazione iniziale, diventando il carnefice di chi lo ospita a cena: in un climax interminabile di gag e malintesi a non finire, il nostro “tontolone” riuscirà persino a mettere in crisi il matrimonio di Pierre, che alla fine non potrà che concludere la sua serata urlando a François «Cretino, cretino, cretino, oh che cretino!».

Zuzzurro e Gaspare sguazzano in questa commedia perfettamente a loro agio in due ruoli che sembrano cuciti quasi apposta sulle loro spalle: il Brambilla è perfetto nella sua performance da maldestro tontolone, mentre Formicoli, con quella sua aria furbetta, è un Pierre beffardo e beffato che risulta credibilissimo in tutto lo spettacolo. I due, poi, questa volta si sono calati in una commedia che è, già di per sé, una garanzia di divertimento per tutto il pubblico, tanto gli ingranaggi narrativi che sciolgono i muscoli della risata funzionano bene.

Il pubblico si diverte proprio grazie alla vena genuina di comicità del testo di Veber, che non scade in banalità di maniera e non si abbassa a un livello volgare. C’è, in fondo, una simpatia che diventa quasi tifo per il cretino che ingarbuglia tutta la storia, e la sconfitta finale del protagonista, che si crede tanto furbo, è la chiave di riflessione che non rende la commedia scontata. Per coloro che avranno intenzione di seguire il nostro consiglio, assicuriamo due ore di sicuro divertimento.

La cena dei cretini, di Francis Veber (traduzione Filippo Ottoni), con Zuzzurro e Gaspare, Dario Biancone, Gianfranco Candia, Alessandra Schiavoni al Teatro Manzoni fino al 21 maggio


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.