Banner
Banner

Seguici su

 

facebook_32 twitter_32 myspace_32

Chat-stadio5-Online

  • Nessun utente on line

Partners

Banner
iosonopompilio 27 2012
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

 

La Juve è… tri Campeón

di Cesare Pompilio

  La Juve ha vinto lo scudetto n° 30 della storia bianconera. È stata tutta la squadra a cavalcare per l’intero campionato i regolari 90 minuti. Un’orchestra perfetta, un direttore Nino Conte, impeccabile. Il suo motto: “correte e mangiate l’erba”. C’era da togliere tutto il fango gratuito che servi e leccak..o in questi sei anni hanno saputo e voluto sporcare i trionfi bianconeri in Italia in Europa e nel mondo. Ora sono annichiliti, se potessero farebbero scoppiare una Calciopoli bis pur di far sparire la Juve. Mi aspettavo da parte delle televisioni che i “cecchini” del 2006 avrebbero fatto sentire le loro voci di augurio per il bellissimo campionato fatto dalla Juve che, anche se priva di “tenori” ha saputo intonare la marcia trionfale. Invece si nascondono come Ratti. Qualcuno di loro ha lasciato il posto in osteria (questa vita), qualcun altro è dal sarto a prendere le misure per l’ultimo vestito perché sente prossimo raggiungere coloro che su questa terra hanno avuto un comportamento miserrimo, tutti nascosti; nessuno di loro ha sentito il bisogno di congratularsi con gli Elkann. Il solo Adriano Galliani, amministratore delegato del Milan, ha sentito il dovere di telefonare ad Andrea Agnelli, presidente della Juventus per felicitarsi con Andrea per il raggiungimento del titolo. Ora iniziano le diatribe. Massimiliano Allegri, allenatore del Milan pro tempore, ha aperto le danze: si dice curioso di vedere quale sarà l’andamento della Juve il prossimo anno. Secondo noi Silvio B. sarà all’altezza di dare spiegazioni chiare e semplici, talmente chiare che, se non danno frutti copiosi le spinte dall’esterno, Allegri, all’inizio del prossimo campionato, potrebbe stare ad oziare. Dunque impari che un anno non assomiglia all’altro, e parlare male dei colleghi o meglio ancora allettare i padroni della propria bravura è una strada che non conosce sbocchi. Allegri ha un bravissimo procuratore (Lippi), lasci fare, stia tranquillo, come riservato dovrebbe stare Stramaccioni. Caro signore, i ricchi si offendono facilmente, stia attento a quello che dice, non può definire il suo presidente (pro tempore) una persona che depista. Questo concetto, questo termine lo può usare chi vive di numero di battute dattilografiche, ma non lo deve usare lei. Sappi, caro Mister Stramaccioni, che lei è uno bravo, capisce di calcio ed è anche fortunato. Assommi tutte queste virtù per riavere la conferma dal presidente della beneamata. A me, dare consigli ai calciatori meneghini non importa, ho già la Juve: vengo considerato un pazzo? Questo mi fa piacere, però quello che mi avevano sussurrato i rumors nell’orecchio destro è vero: la Juve ha corretto la preparazione, la Juve ha un allenatore che non è un autista bensì un pilota. Solo un grande pilota come Ninozzo Conte, senza avere una società massiccia e “manovriera” dietro le spalle, è riuscito a portare la squadra da Capo di Buona Speranza a Capo di Belho Orizzonte da solo: vuol dire che ha le palle. M’intristisce parlare di Del Piero. Sto dalla parte della società, per una volta, e mi devo sentire un ladro, un farabutto. Ma scherziamo? Il signor Del Piero andasse via, oppure si facesse da parte, oppure vada negli USA. Ma la Juve può tenere un giocatore in campo che non salta l’uomo? Che si muove da ex? Mi aspetto che nei prossimi giorni la Juve trovi un minuto per promuovere Pavel Nedved a uomo mercato assieme al fratello di Conte e Paratici. Spero che don Luigino Delneri si sia reso conto dove ha fallito lo scorso campionato. Spero che il Presidente della Federcalcio Giancarlo Abete affronti con autorevolezza e senza tentennamenti, alla luce della sentenza del Tribunale di Napoli, la questione della terza stella. Mi auguro che la Juve non faccia l’errore di portarsi Giovinco Sebastiano, nella propria rosa: è un bravo giocatore ma non da Juve. Spero che Andrea Agnelli vinca la terza stella combinando un incontro tra Luciano Moggi e John Elkann, allo stadio, lì, tra i vip della tribuna. Questa sarebbe la vera terza stella. Nei giorni avvenire ne sentiremo delle belle tra i cacciaviti (tifosi del Milan) e i bauscia ( tifosi dell’Inter) sul “gol non gol” di Cambiasso. Ibra dà due soluzioni del suo futuro: “qui sto bene” ma aggiunge: “voglio una società che rinforzi la squadra”. Mi dicono che vorrebbe chiudere la sua carriera di calciatore alla Juve. È tutta una manovra? Ibra resta al Milan, ma bisogna ritoccare il “conto in banca”. Insomma una lunga estate calda preparerà un autunno caldo. La Juve ha messo tanto fieno in cascina. In Europa, statene certi, si farà rispettare. Il Capo è dom Michel Platini che ha una sola meta: premiare la Juve durante questo suo mandato. Io conosco Michel da calciatore, l’Avvocato si divertiva con lui perché il sabato sera gli preannunciava come avrebbe realizzato il gol il giorno dopo. Gustiamoci questo scudetto, gustiamoci la Juve tri Campeonés, il resto è vita. Bacio le mani.


 

Video

6

Per guardare tutti i video vai alla pagina Video

NEWS STADIO 5

Stadio5 online Stadio5 online         Da oggi potrete leggere Stadio5 anche onl... Read more
La strana coppia di STADIO5 “La Strana Coppia di Stadio5” Una trasmissione che in modo ironico e dissa... Read more


Pubblicita1

Banner

Pubblicita2

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

PARTITA IVA: 11622330154 Valid XHTML and CSS.